Unica Radio Skill Alexa
I figli influenzano l’adozione di comportamenti sostenibili

I figli influenzano l’adozione di comportamenti sostenibili  

 

Le famiglie italiane sono sempre più orientate ad adottare comportamenti e scelte sostenibili, grazie anche alla maggiore qualità dell’informazione e alla formazione dei figli offerta dalla scuola.

Sono alcune delle evidenze di una survey, a cui hanno partecipato circa 500 tra genitori e insegnanti. Essa è condotta da E.ON con Pleiadi e Meteo Expert, nell’ambito del progetto Odiamo Gli Sprechi. Quest’anno ha coinvolto 4.500 alunni di 180 classi in circa 50 scuole primarie e secondarie di primo grado in un progetto educativo. Progetto che sensibilizza le nuove generazioni al rispetto e all’uso consapevole delle risorse naturali.

I risultati della ricerca sono stati presentati questa mattina da Péter Ilyés, CEO di E.ON Italia, Lucio Biondaro, CEO di Pleiadi e docente di Public Engagement e Francesca Santoro, Coordinatrice del programma di educazione all’oceano della Commissione Oceanografica Intergovernativa dell’UNESCO. Risultati presentati nel corso di un evento virtuale a conclusione del progetto Odiamo Gli Sprechi, avviato a inizio ottobre. Durante la diretta E.ON ha offerto due lezioni virtuali alle scuole collegate. Poi si è poi tenuta la premiazione della classe vincitrice del concorso “Odiamo Gli Sprechi… del sapere”, sempre compresa nell’iniziativa.

I risultati del sondaggio

Rispetto a cinque anni fa le famiglie italiane dichiarano di avere iniziato ad adottare comportamenti maggiormente orientati alla sostenibilità. Soprattutto nell’ottimizzazione dei consumi di acqua ed energia (19%), nell’utilizzo dei mezzi di trasporto a basso impatto ambientale (9%) e nell’attenzione alla provenienza del cibo che viene acquistato (7%) grazie ai figli.

Guardando in avanti  l’efficienza nella gestione dei rifiuti e la progressiva riduzione dell’utilizzo di prodotti in plastica monouso rimangono i comportamenti che si sono giudicati più facilmente adottabili nei prossimi anni. Inoltre è interessante notare che l’utilizzo dell’energia elettrica prodotta da un impianto fotovoltaico domestico è ritenuto meno complesso da adottare delle soluzioni di mobilità elettrica. Su quest’ultima, le risposte sono convergenti nell’individuare gli incentivi come leva per renderla più accessibile. L’analisi dei commenti ha poi fatto emergere come la convinzione della maggiore accessibilità dell’autoproduzione solare rispetto all’e-mobility sia anche derivata dal lancio del Superbonus. Si tratta dell’agevolazione fiscale per l’efficientamento energetico domestico introdotta dal Decreto Rilancio.

Adozione di uno stile di vita

Un ruolo importante nel favorire l’adozione di uno stile di vita maggiormente rispettoso dell’ambiente è svolto dai figli in età scolare. Quasi metà (40%) delle famiglie conferma l’incidenza della formazione e sensibilizzazione dei figli nelle scelte riguardanti sostenibilità e ambiente.

A ruoli invertiti, anche il supporto delle famiglie alla scuola nella formazione agli studenti sulla sostenibilità ambientale è in prevalenza positivo. I due terzi (65%) degli insegnanti di primarie e secondarie di primo grado lo giudica adeguato. Inoltre, oltre un terzo degli insegnanti coinvolti (33%) si dice a conoscenza di un notevole interesse delle famiglie nei confronti delle attività didattiche incentrate sulla sostenibilità.

Certamente rimane ancora molto da fare, soprattutto in termini di comunicazione e collaborazione tra scuola e famiglie. L’obiettivo è quello di promuovere una solida educazione alla sostenibilità che si rifletta nei comportamenti adottati in ambito domestico. Anche a livello di informazione dei cittadini oltre la metà delle famiglie intervistate dice di informarsi da fonti autorevoli (57%) come su siti web istituzionali, media e programmi di divulgazione scientifica. Solo una minoranza (17%) ritiene chiare e concrete le informazioni raccolte sulla sostenibilità ambientale e le indicazioni su comportamenti da adottare per ridurre il proprio impatto ambientale. Un dato significativo riguarda la percentuale di famiglie italiane che si informano tramite le comunicazioni del proprio fornitore di energia (9%) rispetto a quelle che lo fanno tramite amici e conoscenti (7%). 

Emerge quindi per imprese come E.ON la possibilità di giocare un ruolo importante supporto alla cooperazione tra famiglie e scuole. Tutto ciò tramite la divulgazione di un’informazione corretta e comprensibile e iniziative quali “Odiamo Gli Sprechi”.

About Andrea Ennas

Andrea Ennas
Sono un giovane ventenne appassionato di sport, musica e cinema.

Controlla anche

Allestimento Isole Verdi: “Sostenibilità in Centro”

Sostenibilità e riqualificazione, sono le parole d’ordine dell’iniziativa Un nuovo progetto sulla sostenibilità prende forma …