Alexa Unica Radio
la nuova tecnica tomografica

La nuova tecnica tomografica per l’analisi dei tessuti

Un nuovo metodo per “sbirciare” all’interno dei tessuti viventi è stato sviluppato da dei ricercatori dell’Università di Tecnologia di Delft

Tomografia a coerenza ottica e computerizzata

Questa tecnologia, è di solito usata in ambito oftalmologico per analizzare la retina. Questa tecnica usa la luce, proiettata direttamente attraverso il tessuto, per avere una risoluzione elevata con un funzionamento paragonabile a quello degli ultrasuoni acustici.
La stessa luce viene poi catturata, dopo l’invio, da un sensore. Calcolando quale luce arriva e quando è possibile creare delle immagini dettagliate e nitid. Lo spiega Jeroen Kalkman, uno dei ricercatori impegnati negli studi.

Con questa nuova strumentazione è possibile penetrare nella profondità dei tessuti fino a 4 mm.
Si tratta di una tecnica che potrebbe portare a grossi vantaggi in ambito medico e sanitario.

Il nuovo metodo prevede l’utilizzo della tomografia computerizzata: “Si tratta di misurare una proiezione dei raggi X che attraversano l’oggetto da molti angoli e posizioni differenti”, spiega ancora Kalkman. Grazie ai dati raccolti con questi due metodi si può costruire un’immagine tridimensionale.

Un metodo più dettagliato

I ricercatori hanno testato questa nuova tecnologia sulla carcassa di un pesce zebra riuscendo a penetrare in profondità, nei suoi tessuti, per circa 4 mm.

Per quanto riguarda gli esseri umani, con questo metodo si potrebbero visualizzare i tessuti malati in maniera molto più precisa. Si potrebbero studiare gli effetti dei farmaci sugli stessi tessuti così come quelli di eventuali sostanze tossiche.

In particolare il metodo potrebbe rivelarsi molto utile nell’analisi delle biopsie. Ci si riferisce a piccoli campioni di tessuto che vengono prelevati dal corpo vivente per eseguire analisi più dettagliate.
Ci aspettiamo che la nostra tecnica sia in grado di visualizzare le biopsie nella loro forma tridimensionale, aiutando così i medici a fare una diagnosi più accurata”, riferisce Kalkman.

About Ilaria Furia

Dopo aver conseguito il diploma di Lingue straniere, ho frequentato un corso triennale universitario per approfondire le conoscenze linguistiche e traduttive moderne. Seguo il corso per la laurea magistrale sulla specialistica della traduzione, con numerosi corsi di informatica per la traduzione. Parlo abbastanza bene l'inglese e il francese e fluentemente lo spagnolo. Sono una persona socievole, dinamica, con buone doti comunicative e ottime competenze relazionali.

Controlla anche

Corea

Cornea resiste al coronavirus, lo dimostrano esperimenti

Il virus può creare problemi non solo all’apparato respiratorio Cornea resiste al coronavirus: il virus …