Unica Radio Skill Alexa
Coding musicale, bambini

Coding musicale, spazio alla creatività dei bambini

Il live coding musicale: collegare Rodari a Pietro Grossi.
I bambini potranno dare spazio alla propria creatività.

 
Il coding permette agli studenti di costruire una grammatica per creare mondi nuovi.
Mercoledì 2 dicembre ci sarà il webinar (evento online) “Dalla grammatica della fantasia al live coding musicale”.
I bambini potranno esprimere la propria creatività, anche trasformando i testi in animazioni e musica.

 

Insieme agli esperti Stefano Penge e Giovanni Mori, i partecipanti faranno un collegamento tra due personaggi importanti. 
Rodari, musicista appassionato e il musicista elettronico di avanguardia a lui contemporaneo, Pietro Grossi.

 

Sarà possibile capire come il passaggio dal testo alla musica non sia solo un gioco da bambini, ma piuttosto una modalità espressiva usata anche dai grandi.
Si rifletterà sulle prospettive della didattica sia nel campo musicale che artistico.

 
C’è stato anche un altro incontro.
L’incontro online con Stefano Penge dello scorso 18 novembre: ci ha permesso di costruire un ponte tra la grammatica della fantasia ed il coding.
 

Cos’è il coding?

È una nuova lingua: il significato è programmazione informatica.
E non si tratta solo di insegnamenti per informatici e ingegneri: il coding è anche alla portata dei bambini. 
Giocando a programmare si impara ad usare la logica, a risolvere problemi e a sviluppare il pensiero computazionale.
Un processo che consente di scomporre un problema complesso, per affrontarlo un tassello alla volta, così da risolvere il problema nella sua interezza.

 

Stefano Penge

Subito dopo la laurea in Filosofia della Scienza, Stefano Penge ha cominciato a studiare tecnologie digitali e la loro applicazione all’educazione.
Dal 1990 ha iniziato a progettare software educativi, dal 2000 ha aderito al modello Open Source e dal 2011 ha cominciato a occuparsi di Open Data. Dal 2016 ha ricominciato a occuparsi di Coding, facendo formazione ai docenti e laboratori con i bambini.
È responsabile della collana “Didattica:Coding”.

Giovanni Mori

Ha completato il dottorato di ricerca in Storia dello Spettacolo all’Università di Firenze nel 2017.
Si occupa di etnomusicologia e antropologia dei media.
Ha una laurea in Musicologia, ottenuta nel 2011 presso l’Università di Pavia con una tesi monografica su Pietro Grossi, pioniere della musica informatica in Italia.
Di recente, è uscita la sua monografia dal titolo Live Coding? What does it mean? che esplora la comunità internazionale dei live coder ed approfondisce le tematiche della creatività.

 

About Francesca Pinna

Francesca Pinna
Amo il mare, la tradizione, il cibo: la mia terra, la Sardegna. Quindi da ciò potreste dedurre che amo osservare i bei tramonti, godermi la tranquillità che regna in questa regione, e mangiare. Ma a parte ciò, sono una persona che ama imparare, per migliorarmi ogni giorno sempre di più. Perché un bel giorno voglio girarmi, guardarmi dietro le spalle e poter dire: «Sì, hai raggiunto un bel traguardo e ne hai fatto di strada!»

Controlla anche

Arriva la piattaforma Giovani 2030

Giovedì 17 dicembre alle ore 19:00, in un incontro di condivisione e confronto dedicato ai …