Unica Radio Skill Alexa
Ananda

“Ananda”: dalla Sardegna all’Himalaya

Dalla Sardegna all’Himalaya, un viaggio alla ricerca dell’antica leggenda degli “Ananda”: nasce così il docufilm di Stefano Deffenu

Un lungo viaggio dalla Sardegna alle pendici dell’Himalaya alla ricerca degli Ananda, ma anche alla riscoperta del proprio equilibrio interiore. Immortalando per tre mesi ogni aspetto di questo intenso cammino spirituale e umano.

Un viaggio dal quale nel 2011 scaturisce un patrimonio video-documentaristico di forte impatto emotivo. Un’esperienza che sembra irrimediabilmente perduta al momento della ripartenza, sottratto da un bambino sparito nel nulla. Sorprendentemente, il girato ricompare tre anni dopo, all’interno di un pacco inviato da un mittente sconosciuto.

Inizia così la storia di “Ananda”, opera prima del regista Stefano Deffenu. Artista sassarese divenuto celebre al grande pubblico nel 2014 come attore protagonista di “Perfidia”, film diretto da Bonifacio Angius. 

Ananda

Un documentario che è come un diario di viaggio autobiografico al fianco dell’amico Pierre. Un viaggio alla ricerca dell’antica leggenda degli Ananda, una tribù di bambini fantasma. Una tribù che appare e scompare lungo una strada densa di superstizione e magia. 

Da Bangalore a Gokarna fino all’antico villaggio di Malana, “l’Atene dell’Himalaya” fondata dai guerrieri di Alessandro Magno. In questo vagabondare nell’India più remota, lo sguardo del viaggiatore si confonde tra illusione e consapevolezza di una bugia che pare più verosimile del vero.

«Il nome Ananda vuol dire felicità, beatitudine. È la mia personale ricerca di una pace interiore che forse non troverò mai – ha spiegato l’autore –. Una ricerca che non si è conclusa col mio ritorno a casa, ma è proseguita per dieci anni in un percorso sofferto e doloroso, che ha trovato la sua catarsi in una commistione di sorrisi e lacrime da un lato e musica e immagini dall’altro, e quindi divinità, saggi, antichi maestri e fantasmi. Dieci anni che non sono comunque bastati a supplire una tremenda separazione, quella di una presenza che sento sempre camminare di fianco a me».

Prodotto da Monello Film, il documentario sarà presentato in prima nazionale a IsReal, il “Festival del cinema del reale che in questo difficile momento di pandemia si trasferirà dall’auditorium “Lilliu” di Nuoro sulla piattaforma internet MYmovies, per essere reso fruibile dal 2 al 6 dicembre al vasto pubblico del web. Ananda è stato inserito nella sezione Camineras dedicata alle opere realizzate in Sardegna oppure da autori sardi.

Appena recuperate le immagini perdute, il regista non ha trovato l’ardire di rivederle fino al 2016, quando un rinnovato entusiasmo lo ha spinto a riprenderle in mano per iniziare un nuovo percorso, durato tre anni, verso la realizzazione definitiva del film.

Nell’opera confluiscono riflessioni, punti di vista personali che commentano gli eventi di un viaggio divenuto un’avventura incredibile e carica di significato. Una sorta di romanzo di formazione vissuto fra le spiagge del sud dell’India e le pendici delle vette più alte del mondo.

 

 

About Ylenia Iannelli

Ylenia Iannelli
Nata in Svizzera e cresciuta tra Calabria e Sardegna. Studentessa di Beni Culturali e Spettacolo con indirizzo archeologico, appassionata di lettura e serie tv. Nel tempo libero volontaria presso un'Associazione di Protezione Civile e instancabile partecipante di corsi di apprendimento, dai corsi salvavita ai lavori più disparati.

Controlla anche

workshop 4863393 1920

Confartigianato: quasi 2mila attività hanno chiuso i battenti in Sardegna

Per le imprese artigiane sarde un 2020 in chiaroscuro secondo l’Ufficio Studi di Confartigianato Imprese …