Unica Radio Skill Alexa
Metano, l’impegno delle compagnie sulla trasparenza

Metano, l’impegno delle compagnie sulla trasparenza

Accordo tra Onu e 62 industrie petrolifere per una maggiore trasparenza nel monitorare e segnalare le emissioni di gas metano. Si tratta di uno dei più fattivi contributi alla lotta contro il climate change.

L’intesa è stata firmata oggi e porterà a breve e medio termine a un importante intervento contro i gas serra. “Per vincere la corsa e arrivare ad emissioni zero, abbiamo bisogno di avere tutti a bordo. Abbiamo bisogno di un’azione importante da parte dell’industria petrolifera e del gas.  L’UNEP si impegna a sostenere tutti gli sforzi che riducono le emissioni di metano. E in questo riconosciamo la funzione fondamentale delle aziende che hanno aderito a tale ambizioso progetto. Adibito per il monitoraggio e la segnalazione delle quantità di questo gas che vengono immesse nell’atmosfera terrestre “, ha affermato Inger Andersen, direttore esecutivo dell’UNEP. “Attendiamo ora azioni concrete che trasformino gli impegni in una riduzione effettiva delle emissioni”.

Il metano rilasciato direttamente nell’atmosfera è un gas ad effetto serra molto forte. Con oltre 80 volte il potere di riscaldamento prodotto dall’anidride carbonica in 20 anni.

Le azioni per ridurre le emissioni di metano possono generare una riduzione a breve termine del tasso di riscaldamento globale. Integrando gli sforzi per sottrarre CO2 ai sistemi energetici e di trasporto mondiali, offrendo allo stesso tempo vantaggi in termini di qualità dell’aria.

Kadri Simson, commissario europeo per l’energia, ha sottolineato: “Sono molto felice di vedere l’industria energetica intraprendere un’azione immediata sulle emissioni di metano. Un chiaro impegno a misurare e monitorare le emissioni è un primo passo importante per ridurle in modo significativo e sono orgoglioso di ciò che abbiamo raggiunto. La firma di oggi è il primo risultato della recente strategia della Commissione sul metano. Ci sono molti altri passi da compiere per ridurre le emissioni lungo l’intera catena e spero di lavorare a stretto contatto con tutti i partner – europei e internazionali – per raggiungere questo obiettivo”.

L’Oil and Gas Methane Partnership (OGMP) è un’iniziativa della Climate and Clean Air Coalition (CCAC). Guidata dal Programma delle Nazioni Unite per l’ambiente (UNEP), dalla Commissione europea (CE) e dal Fondo per la difesa ambientale (EDF).

Già 62 aziende, con attività in cinque continenti e che rappresentano il 30% della produzione mondiale di petrolio e gas, hanno aderito alla partnership. Il nuovo OGMP2.0 migliorerà l’accuratezza del reporting e la trasparenza delle emissioni di metano nel settore del petrolio e del gas.

“Un sentito ringraziamento va alle 62 società per essersi impegnate a misurare, segnalare e ridurre l’inquinamento derivante dalle loro operazioni e dalle joint venture a livello locale. Questa sarà la base per standard solidi in Europa e oltre. Assicurando che l’industria petrolifera intraprenderà le azioni pratiche necessarie per difendere concretamente e urgentemente il nostro clima “, ha detto Fred Krupp, presidente dell’Environmental Defense Fund.

Al centro dell’accordo c’è un quadro completo di rendicontazione del metano.

Basato su misurazioni che renderanno più facile per i funzionari, gli investitori e il pubblico monitorare e confrontare accuratamente le emissioni delle aziende petrolifere. In modi che non sono stati possibili finora. Come previsto nella strategia dell’UE sul metano, la Commissione europea ha in programma di elaborare una proposta legislativa sulla misurazione, comunicazione e verifica obbligatorie per tutte le emissioni di metano legate all’energia, sulla base del quadro OGMP 2.0. Fondamentalmente, l’OGMP 2.0 include non solo le attività proprie di un’azienda, ma anche le numerose joint venture responsabili di una quota sostanziale della loro produzione.

Il framework OGMP 2.0 si applica all’intera catena del valore del petrolio e del gas, non solo alla produzione a monte, ma anche al trasporto e alla lavorazione e raffinazione a valle.

Aree con un potenziale di emissioni sostanziale che spesso non vengono comunicate oggi. L’obiettivo è consentire all’industria petrolifera e del gas di realizzare significative riduzioni delle emissioni di metano nel prossimo decennio in modo trasparente per la società civile e i governi. Al fine di supportare la realizzazione degli obiettivi climatici globali, OGMP 2.0 mira a una riduzione del 45% delle emissioni di metano del settore entro il 2025. E successivamente una riduzione del 60-75% entro il 2030.

“La riduzione delle emissioni di metano è uno sforzo cruciale nel percorso di decarbonizzazione del settore.”

“Come fattore su cui possiamo avere un impatto positivo immediato e concreto, OGMP 2.0 offre un modello riconosciuto a livello internazionale alle aziende del nostro settore che desiderano migliorare le loro riduzioni delle emissioni in tutte le fasi della catena del valore. Non vediamo l’ora di continuare a lavorare con tutti i partner coinvolti, poiché solo attraverso la collaborazione con le organizzazioni internazionali, la società civile e i governi possiamo raggiungere i nostri obiettivi comuni”, ha affermato Claudio Descalzi, Amministratore delegato di Eni.

Soluzioni convenienti

Secondo l’Agenzia Internazionale per l’Energia (IEA), circa i tre quarti delle emissioni di metano potrebbero essere ridotte con la tecnologia oggi esistente. E, di queste, quasi la metà a costo zero. Ridurre le emissioni di metano del settore energetico del 90% ridurrebbe di due decimi di grado Celsius l’aumento previsto della temperatura media del pianeta entro il 2050. Ridurre le emissioni di metano fossile del 75% può prevenire fino a 6 giga tonnellate di emissioni equivalenti di anidride carbonica all’anno. Quasi il 10% delle emissioni di gas serra del 2019 del pianeta.

Nuovo osservatorio.

L’UNEP e la Commissione europea stanno inoltre finalizzando i piani per la creazione di un Osservatorio internazionale indipendente sulle emissioni di metano (IMEO). IMEO aggregherà e analizzerà più flussi di dati sulle emissioni di metano, inclusi i dati riportati dalle società associate a OGMP. Utile per accelerare le riduzioni delle emissioni di metano a livello globale. Assistendo l’industria e i governi a livello globale nell’affrontare l’incertezza relativa alle emissioni riportate, l’Osservatorio migliorerà la coerenza e la credibilità dei dati sulle emissioni di metano. E accelererà le azioni di mitigazione.

L’OGMP, lanciato al Summit delle Nazioni Unite sul clima nel 2014, è stato creato dal Climate and Clean Air Coalition (CCAC) come iniziativa volontaria per aiutare le aziende a ridurre le emissioni di metano nel settore del petrolio e del gas.

Gestito da UNEP, OGMP è l’unica partnership multi-stakeholder che lavora sulla rendicontazione delle emissioni di metano. E inoltre fornisce un protocollo per aiutare le aziende a gestire sistematicamente le loro emissioni di metano dalle attività di raffinazione, trasporto e distribuzione di petrolio e gas. E offre una piattaforma credibile per aiutare le aziende associate a dimostrare riduzioni effettive agli stakeholder del settore.

About Nicola Saba

Nicola Saba
Mi chiamo Nicola e dopo il diploma magistrale ho intrapreso gli studi di Scienze della Comunicazione presso la Facoltà di Cagliari

Controlla anche

Tartaruga marina

Tartaruga marina senza vita, tra reti e corde a Nettuno

Ritrovata senza vita a Nettuno una tartaruga marina, impigliata in reti e corde. Segnalazione  giunta …