Unica Radio Skill Alexa
Olio di cocco

Olio di cocco e danni all’ambiente: le prime reazioni

I danni dell’olio di cocco: dopo alcuni studi è scoppiata la polemica tra ricercatori. Ecco le prime reazioni sull’argomento

Quando vi abbiamo raccontato dello studio di Erik Meijard pubblicato su Current Biology e che punta il dito sui disastri ambientali causati dalle coltivazioni di olio di cocco vi abbiamo avvertito. Il lavoro sarebbe stato accolto con scetticismo, polemiche e accuse di conflitto d’interesse, addirittura come un modo per sviare l’attenzione dal ben più dannoso olio di palma.

È andata esattamente così. Come racconta Science, scienziati ed esperti di tutto il mondo hanno reagito alla pubblicazione accusando Meijard di fare gli interessi dell’industria dell’olio di palma e di fornire scuse e giustificazioni a chi pratica tagli selvaggi. Inoltre, molte delle conclusioni presentate nello studio vengono messe in discussione o direttamente smontate dati alla mano.

“CARA INDUSTRIA DEL LEGNO…”. 

La reazione più veemente è arrivata, via social come è d’uopo di questi tempi, dal primatologo Adriano Lameira dell’università di Warwick. In una serie di tweet indica sarcasticamente lo studio di Meijard come il riferimento ideale per l’industria del legno quando deve giustificare tagli massicci e distruzione dell’habitat. Altri esperti hanno invece puntato su quelli che secondo loro sono gli errori metodologici nella ricerca di Meijard. Meine van Noordwijk, per esempio, ricercatore presso il World Agroforestry Center fa riferimento all’affermazione secondo la quale le coltivazioni di palma da cocco abbondano in piccole isole tropicali popolate da specie che vivono solo lì e che quindi sono messe sproporzionatamente a rischio dalla deforestazione. Secondo van Noordwijk questo non è vero, perché solo l’8% delle palme da cocco coltivate a uso commerciale si trovano su queste isole, mentre la stragrande maggioranza della produzione (circa l’80%) arriva da Indonesia, India e Filippine.

SOLO COLPA DEL COCCO? 

Un’altra obiezione è quella fatta dalla biologa indonesiana Sheherazade. A capo dell’associazione conservazionista Tambora Muda Indonesia, che spiega come le palme da cocco non piantate, per così dire, “in isolamento”. Ma sempre in associazione con altre specie. Infatti, affermare che la colpa della distruzione dell’habitat sia della palma da cocco è limitante e non tiene conto del resto dei raccolti.

Da parte sua, Meijard si difende dicendo che non era sua intenzione difendere l’olio di palma. Ma invitare a fare attenzione anche ad altre coltivazioni potenzialmente impattanti. Un’argomentazione alla quale Sheherazade e van Noordwijk rispondono. Spiegano che uno studio del genere rischia la strumentalizzazione. Non solo, utilizzato come “arma” dall’industria dell’olio di palma. «Il dibattito è molto polarizzato e bisogna fare attenzione a non creare falsi miti», dicono.

About Roberta Dessì

Roberta Dessì
Sono una studentessa di Scienze della Comunicazione all'Università di Cagliari. Ho 21 anni e vivo a Cagliari. Mi piace studiare ma in particolar modo mi piacciono materie che riguardano la comunicazione pubblica, d'impresa e la pubblicità. Inoltre, in linea con il percorso di studi che ho scelto, seguo molto volentieri le lezioni sul marketing e la comunicazione. Non sto mai ferma e nel tempo libero mi piace fare sport, ascoltare musica o seguire serie TV e film. Adoro viaggiare e mi piacciono molto gli animali.

Controlla anche

Gianni Lampis

Proposte e consigli per una Regione attenta all’ambiente

Unica Radio, in collaborazione con Street Art Sardinia intervista l’Assessore della Difesa Dell’Ambiente Gianni Lampis. …