Alexa Unica Radio
Deserto

Antoine de Saint-Exupéry: scoprire ciò che è l’uomo

“Nelle città si dimentica che cosa sia un uomo. È ridotto alla sua funzione: postino, venditore, vicino che vi disturba. È in fondo al deserto che si scopre al meglio ciò che è un uomo”.

Antoine de Saint-Exupéry: città-Natura. Ormai questo accostamento è sempre più visto come una dicotomia, a volte con un punto di vista estremamente manicheo. Tuttavia è proprio l’uomo che ha reso le città così lontane dalla Natura, persino dal loro contesto, pianura o grande vallata che sia.

Nonostante ciò è pur vero che in questi ultimi tempi riusciamo a intravvedere alcuni progetti che potrebbero diffondersi capillarmente e rendere le città più vivibili, meno alienanti. è comunque un dato di fatto che ci sono immense differenze tra queste due realtà. Ma anche se in passato hanno creato sempre più muri sotto tutti i punti di vista – umani, politici, ambientali – chi ha detto che non si possono abbattere?

La Natura insegna

La Natura stessa lo insegna. Quante volte essa si riappropria del terreno perso e copre muri e strade fino a renderli invisibili? Il problema forse non è nella città in sé, ma come si vive in essa o, peggio, come ci portano a vivere la frenesia, la smania di successo e apparenza, l’indifferenza. A tutto può esserci una risposta o quanto meno una via di ricerca. Antoine de Saint-Exupéry lo sottolinea in modo molto diretto.

Innanzitutto il primo errore delle città (e chiamiamo in causa anche i paesi sparsi in provincia) è dimenticarsi di cosa sia un uomo. Si smarrisce l’identità umana in quella omologazione esteriore e interiore e ancora peggio si associa un individuo solo a ciò che fa o ha e quindi lo si riduce ad una funzione. 

Un uomo prima d’ogni cosa è, punto

Mentre la Natura insiste sempre su una cosa essenziale: essere, non avere, non fare, come d’altra parte insistono le grandi religioni e i grandi maestri di sempre. Un uomo prima d’ogni cosa è, punto. Tutto il resto dovrebbe arrivare di conseguenza. E l’autore francese magistralmente indica un luogo meditativo per eccellenza: il deserto. Un luogo troppo spesso etichettato come inutile, privo di vita e interesse. Invece proprio per le sue caratteristiche si presta al raccoglimento necessario per trovarsi. Un luogo forse anche pericoloso, ma capire chi siamo non è facile, richiede fatica, tempo, esperienze e incontri.

Cristo ha compreso una cosa fondamentale nel deserto, Dante ha affrontato la selva, ognuno di noi potrà avere il proprio deserto. Cerchiamolo e scopriamo al meglio ciò che siamo, ciò che è l’uomo e il beneficio non avrà prezzo.

About Francesca Dessì

Ho 23 anni e una grande voglia di mettermi in gioco

Controlla anche

Bentu Estu, fashion film di Granduli

“Bentu Estu”, fashion film di Filippo Grandulli

Lo stilista racconta il lungo percorso che la natura accompagnata dal più noto vento sardo, …