Unica Radio Skill Alexa
Il Ministero celebra la Giornata nazionale per la sicurezza nelle scuole

Il Ministero celebra la Giornata nazionale per la sicurezza nelle scuole

Anche quest’anno il Ministero dell’Istruzione celebra la Giornata nazionale per la sicurezza nelle scuole

L’intento è quello di promuovere e valorizzare le attività e le iniziative realizzate sui temi della sicurezza e della prevenzione dei rischi. La Giornata cade oggi, 22 novembre. Ma gli eventi in programma si svolgeranno domani, lunedì 23 novembre, per poter dare alle scuole modo di partecipare, seppur a distanza.  

Ministra dell’Istruzione, Lucia Azzolina

La Giornata per la sicurezza nelle scuole è “una ricorrenza che ci richiama alle nostre responsabilità, ricordandoci la necessità di garantire il benessere delle nostre studentesse e dei nostri studenti in ambito scolastico e di garantire la loro sicurezza che deve essere una priorità assoluta, sempre. Lo è certamente per questo Governo. Da inizio 2020 sono stati assegnati quasi 2 miliardi agli Enti locali per 2.057 interventi di edilizia scolastica e 5.560 indagini diagnostiche sui solai. A queste risorse vanno aggiunti gli oltre 400 milioni previsti per l’edilizia leggera in fase di emergenza. Nella Legge di bilancio abbiamo inserito oltre 1,5 miliardi per questo capitolo, che avrà un ruolo importante anche nel Recovery Fund”, dichiara la Ministra dell’Istruzione, Lucia Azzolina.  
  

Viceministra, Anna Ascani

“Questa Giornata è un momento di riflessione importante, che assume un valore particolare in questo periodo in cui tutti abbiamo dovuto modificare la nostra quotidianità per contenere il virus e salvaguardare la salute collettiva. Inoltre, dà l’opportunità a questo Ministero di riconfermare l’impegno costante per l’edilizia scolastica. Avremo a disposizione nuove risorse, quelle del Next Generation EU. Un’occasione preziosa per un investimento più corposo per la sicurezza e la strutturazione di tutto il patrimonio edilizio scolastico. Una formazione di qualità passa anche da questo”, spiega la Viceministra, Anna Ascani.  

Il programma

La Giornata nazionale per la sicurezza arriva a conclusione di un percorso di attività realizzato dalle scuole durante questi mesi. Tutte le iniziative di domani si svolgeranno online. Un programma comunque ricco. Si parte con un laboratorio didattico basato su una metodologia innovativa a tema, al quale partecipano 80 studentesse e studenti da tutta Italia che hanno lavorato da venerdì scorso per presentare le loro idee e proposte in materia di sicurezza a scuola.  

Sempre domani, dalle 10.30 alle 12.30, in diretta streaming sul sito dedicato alla Giornata, si parlerà delle esperienze delle scuole e saranno presentati anche un video con i dati sugli investimenti di quest’anno in edilizia scolastica e il nuovo logo della Giornata, “Sicura solo se si ha cura”, ideato da un gruppo di studenti. Ci sarà, poi, un collegamento con la Fondazione Scafidi, sarà proiettato un video di un progetto realizzato dalle scuole e ci sarà la premiazione del concorso fotografico “La sicurezza a scuola”, lanciato in occasione della Giornata della sicurezza del 2019. Interverranno anche la Ministra dell’Istruzione, Lucia Azzolina, e la Viceministra, Anna Ascani, che ha la delega in materia di edilizia scolastica.   

Sul sito del Ministero sono già presenti la nuova pagina dedicata alla Giornata nazionale per la sicurezza con il nuovo logo e tutte le iniziative.

About Roberta Dessì

Roberta Dessì
Sono una studentessa di Scienze della Comunicazione all'Università di Cagliari. Ho 21 anni e vivo a Cagliari. Mi piace studiare ma in particolar modo mi piacciono materie che riguardano la comunicazione pubblica, d'impresa e la pubblicità. Inoltre, in linea con il percorso di studi che ho scelto, seguo molto volentieri le lezioni sul marketing e la comunicazione. Non sto mai ferma e nel tempo libero mi piace fare sport, ascoltare musica o seguire serie TV e film. Adoro viaggiare e mi piacciono molto gli animali.

Controlla anche

WhatsApp: in molti lasciano l’app

Secondo quanto riportato molte persone avrebbero deciso di abbandonare WhatsApp per recarsi presso la concorrenza …