Alexa Unica Radio
Olio di oliva

Olio d’oliva a rischio a causa del “Sardinian sounding”

Olio di oliva: consumatori, non è locale, calano prezzo e qualità

“Sardinian sounding, sembra sardo ma non è”. Olio d’oliva dell’isola, tutelato da marchi di qualità e certificazioni. Ma insidiato da produzioni che utilizzano materie prime di provenienza extra regionale.

Se ne è parlato nel corso della tavola rotonda, organizzata dalle associazioni dei consumatori aderenti al progetto “Io Consumatore Sardegna”.

I numeri

40.000 ettari di territorio dal quale derivano circa 500.000 quintali di olive. Trasformate in 90mila quintali di olio ogni anno (1,5% della produzione nazionale). E coinvolge circa 160 frantoi. Per un fatturato annuo di circa 250 milioni annui.

Obiettivo dell’incontro è stato quello di tenere alta l’attenzione su un fenomeno che dagli addetti ai lavori è considerato anche forse più insidioso della contraffazione. Con il Sardinian sounding – spiegano le associazioni – si richiama l’isola. Ma si convince il consumatore di avere a che fare con un prodotto genuinamente sardo che in realtà di isolano ha poco e niente. Le materie prime – continuano le associazioni – non sono sarde, il prezzo cala, come la qualità. E il danno si riverbera sui produttori locali.

I vari profili del fenomeno sono stati introdotti dal vicepresidente di Adoc Cagliari Andrea Falchi e affrontati dai rappresentanti delle principali associazioni del consumatori della Sardegna. Monica Satolli, presidente dell’Unione dei Consumatori Sardegna ha illustrato il vademecum utile agli acquirenti per potersi districare nella jungla delle etichette e dei rivenditori. “Chi acquista – avverte Michele Milizia di Casa del Consumatore – è chiaramente attratto in prima battuta dal prezzo. E si trova davanti bottiglie che vengono proposte a pochi euro al litro, a fronte di olio Dop, extravergine, che va per i 10. Di fronte a questo squilibrio i produttori e i distributori, se vogliono sconfiggere la concorrenza sleale, devono puntare molto sulla trasparenza, per far emergere le caratteristiche superiori dei prodotti della nostra isola”.

About Noemi Dessì

Ho 21 anni e sono una studentessa di Scienze della Comunicazione. Mi piace ascoltare musica,leggere, guardare film e serie TV.....ma sopratutto scrivere!

Controlla anche

paesaggi

Archeologia da riscoprire con: “Pomeriggi di Paesaggi”

Get Widget Nelle sale dell’ex Regio Museo in Piazza Indipendenza, a Cagliari, prende forma il …