Alexa Unica Radio
Robot aspirapolvere

Robot aspirapolvere hackerato a distanza può captare suoni e voci circostanti

Un team di ricercatori ha mostrato, nel corso di una conferenza che gli aspirapolveri robot domestici, possono essere hackerati a distanza.

 

Il team di ricercatori ha prima raccolto quante più informazioni possibili sul sistema di navigazione, basato sul laser, di uno dei più popolari robot aspirapolvere in commercio. Hanno quindi applicato complesse tecniche di elaborazione del segnale e di deep learning. Grazie alle quali hanno trasformato lo stesso sistema laser dell’aspirapolvere in una sorta di microfono. E tramite quest’ultimo riuscivano ad identificare programmi televisivi riprodotti in una TV presente nella stanza in cui il robot passava o era presente.
Nonostante non abbia diversi alcun microfono, infatti, questi oggetti possono essere hackerati. Perché utilizzano una tecnologia di rilevamento della luce Lidar. Questa tecnologia, una volta manipolata, permette di raccogliere il suono circostante.

Il progetto 

In sostanza questi aspirapolveri si servono del sistema di navigazione Lidar onde proiettare un raggio laser nella stanza per poi percepire il riflesso degli stessi raggi. In questo modo riescono a riconoscere la presenza di oggetti vicini, di muri, di sedie, eccetera, da evitare durante la raccolta della polvere dal pavimento. Si tratta di un metodo per mappare la stanza o l’intera casa ed evitare dunque collisioni.

I ricercatori, grazie ad algoritmi di apprendimento profondo (deep learning) sono riusciti ad interpretare le onde sonore sparse dai laser. E poi catturate dallo stesso dispositivo. In questo modo sono riusciti a captare sia voci umane all’interno della camera dove operava il robot aspirapolvere.


Questi robot, infatti, sono capaci anche di connettersi ad Internet per una varietà di funzioni. Ad esempio le “mappe” della casa create sono archiviate tramite apposite app su Internet e proprio per questo possono rappresentare delle violazioni della privacy. Chi ha accesso a queste mappe, per esempio, potrebbe accedere ad informazioni importanti quali le dimensioni della casa, il numero delle stanze, eccetera e da queste derivare molte altre informazioni più personali relative allo stile di vita.

About Noemi Dessì

Ho 21 anni e sono una studentessa di Scienze della Comunicazione. Mi piace ascoltare musica,leggere, guardare film e serie TV.....ma sopratutto scrivere!

Controlla anche

hacker 2300772 1920

Osservatorio Cyber: Boom furti di dati personali sul web nell’anno del Covid

L’uso più intenso del web burante la pandemia ha offerto maggiori occasioni agli hacker per …