Alexa Unica Radio
Diamant

Diamante: il materiale più duro al mondo

Il diamante è un minerale costituito di solo carbonio: questo fa di lui un cosiddetto “elemento nativo”. Ad oggi è il materiale più duro

Si trova in cristalli generalmente ottaedrici, ma talvolta di forme geometriche tanto complesse e ricche di facce da sembrare quasi sferiche. Nell’immaginario collettivo il diamante è incolore, invece, può assumere diverse tonalità (rosa, giallo, azzurro), di grande valore se molto trasparenti. È l’ultimo parametro nella scala di Mohs, ovvero il materiale più duro al mondo.

Dove si trova

I diamanti si formano nella parte superficiale del mantello terrestre, tra i 150 e i 300 chilometri (!) di profondità. Particolari risalite di magma fanno sì che raggiungano la superficie: la roccia derivante dalla sua solidificazione prende il nome di kimberlite. I maggiori giacimenti si trovano in Sud Africa e Russia, ma questo materiale è presente in molti paesi del mondo.
Il più grande diamante è stato rinvenuto in Sud Africa nel 2007: pesava 7500 carati, ovvero 1,5 kg!
Diversi reperti archeologici hanno dimostrato che già dal 4000 a.C. la lucentezza e la durezza del diamante ne facevano una pietra famosa e ricercata.
Il nome stesso deriva dal greco antico adamas (indomabile), a causa dell’incredibile durezza del minerale. Per questa sua qualità, da secoli è utilizzato anche come strumento d’incisione.
In ogni caso, solo a partire dal XIX secolo, grazie al miglioramento delle tecniche di taglio e alla maggiore pubblicizzazione, il diamante ha raggiunto l’odierna popolarità.

Utilizzo oggi

L’impiego più noto di questo minerale è sicuramente in gioielleria. Da decenni un solitario è considerato un pegno d’amore, anche grazie a poderose campagne pubblicitarie. Inoltre, per merito della sua durezza e delle sue qualità ottiche e fisiche, trova moltissimi altri impieghi in campo scientifico e industriale.

Prodotti

In base alle suddette caratteristiche, il diamante viene utilizzato nella realizzazione di diversi prodotti. Per la sua durezza è sfruttato in  presse per l’analisi di materiali, mole, lame, abrasivi e macchinari da scavo. Invece, la sua limpidezza fa parte di strumenti ottici. Non solo, per via dell’ottima conducibilità termica è impiegato in elettronica come base per migliorare il raffreddamento di semiconduttori in particolari circuiti elettrici.

Sostenibilità

I giacimenti di diamante si suddividono in due tipologie. Primari (diamanti inclusi nella roccia madre) e secondari (roccia madre disgregata dagli agenti atmosferici e diamanti trasportati e accumulati nei sedimenti). Nei giacimenti primari è necessario frantumare la roccia per ottenere i cristalli. Mentre in quelli secondari vengono separati dai sedimenti grazie al loro elevato peso specifico. Lo sfruttamento di questi giacimenti non è di per sé inquinante. I problemi di sostenibilità ambientale e le accortezze per prevenirli sono quelli di una consueta miniera.
Tuttavia, sussistono gravi implicazioni etiche e morali riguardanti l’utilizzo del denaro ricavato dalla vendita dei diamanti e utilizzato per finanziare le guerre: per una trattazione più approfondita della questione si rimanda all’articolo di pagina 90.

About Roberta Dessì

Sono una studentessa di Scienze della Comunicazione all'Università di Cagliari. Ho 21 anni e vivo a Cagliari. Mi piace studiare ma in particolar modo mi piacciono materie che riguardano la comunicazione pubblica, d'impresa e la pubblicità. Inoltre, in linea con il percorso di studi che ho scelto, seguo molto volentieri le lezioni sul marketing e la comunicazione. Non sto mai ferma e nel tempo libero mi piace fare sport, ascoltare musica o seguire serie TV e film. Adoro viaggiare e mi piacciono molto gli animali.