Unica Radio Skill Alexa
Resistenza ai farmaci

Resistenza ai farmaci: contro i virus non servono gli antibiotici, puntare sulle vaccinazioni

Antibiotici, una questione di sanità pubblica che potrebbe passare in sordina durante la pandemia e che invece deve essere attenzionata, poiché va ad impattare fortemente sulla stessa fascia di popolazione a maggior rischio: le persone con malattie croniche e gli over 65.

A parlare di antibiotici è Michele Conversano, presidente del Comitato Tecnico-Scientifico. “La pandemia sta mettendo in seria crisi il nostro sistema sanitario. Abbiamo difficoltà a fermare il virus, ma possiamo contenere lo sviluppo di altre problematiche. Le stesse che solitamente congestionano gli ospedali e indeboliscono gli anziani. Tra queste, l’influenza stagionale, lo pneumococco, i ricoveri per herpes zoster. Possono essere evitati con i vaccini a disposizione  e anche le lunghe ospedalizzazioni causate dal fenomeno dell’antibioticoresistenza.

Il cattivo uso degli antibiotici

Usare troppo spesso o male gli antibiotici, soprattutto quando non servono, come in caso di infezioni virali, non è solo inutile. Anzi, è estremamente pericoloso per la salute e dannoso per il sistema sanitario. Questo poiché richiede procedure più impegnative e degenze prolungate. E, in questo momento poi sono assolutamente da evitare”.
Secondo i dati riportati dall’Istituto Superiore di Sanità, in Europa si registrano ogni anno 33mila decessi per infezioni causate da batteri resistenti agli antibiotici: oltre 10mila avvengono in Italia.

Le categorie a rischio

“Gli Over 65 e gli anziani con cronicità sono i soggetti più minacciati dalla pandemia. Infatti, poiché non abbiamo un vaccino per proteggerli dobbiamo rafforzarli su altri fronti. Bisogna puntare sulle quattro vaccinazioni raccomandate dal Ministero della Salute ed evitare che siano inermi. A causa dell’antibioticoresistenza, di fronte ad eventuali infezioni batteriche”.

Le campagne educative sugli antibiotici

Un messaggio, quest’ultimo, che dovrebbe essere maggiormente veicolato attraverso campagne educative. Rivolte sia al personale sanitario che alla popolazione in generale. Così come stabilito dall’Organizzazione Mondiale della Sanità nel 2015 e recepito successivamente dall’Unione europea e dall’Italia. In particolare con il Piano Nazionale di Contrasto dell’Antimicrobico-Resistenza (PNCAR) 2017-2020. Ma questo è lo scopo anche della Settimana mondiale per la sensibilizzazione sull’uso consapevole degli antimicrobici che si svolge quest’anno dal 18 al 24 novembre.

Le raccomandazioni

Innanzitutto un utilizzo prudente degli antibiotici che hanno efficacia nel trattamento e prevenzione di infezioni batteriche. E poi l’attuazione di buone pratiche di controllo delle infezioni come l’igiene delle mani e l’utilizzo delle mascherine, fondamentali in questo periodo anche per combattere la diffusione del coronavirus. È opportuno, inoltre, ricorrere allo screening e all’isolamento dei pazienti infetti negli ospedali e promuovere lo sviluppo di nuovi farmaci che agiscono diversamente in quanto la resistenza agli antibiotici si sviluppa inevitabilmente nel tempo”.

About Noemi Dessì

Noemi Dessì
Ho 21 anni e sono una studentessa di Scienze della Comunicazione. Mi piace ascoltare musica,leggere, guardare film e serie TV.....ma sopratutto scrivere!

Controlla anche

covid, esperti

L’Oms a Wuhan: 10 super esperti nella città origine del virus

Sono sbarcati a Wuhan, in Cina, “i virus hunters”, “i cacciatori di virus” I 10 …