Janas
Diabete aumenta del 60%

Diabete aumenta del 60% con una o due uova al giorno

Strapazzate, in camicia o bollite le uova sono un alimento popolare in tutto il mondo, in particolare per la colazione. Occorre però moderazione nel loro utilizzo.

Questo il suggerimento che arriva da uno studio guidato dalla University of South Australia, pubblicato sul British Journal of Nutrition. Condotta in collaborazione con la China Medical University e la Qatar University, la ricerca longitudinale (1991-2009) è la prima a valutare il consumo di uova in un ampio campione di adulti cinesi. É emerso che le persone che consumavano regolarmente una o più uova al giorno (equivalenti a 50 grammi) aumentavano del 60% il rischio di diabete, mentre un altrettanto importante consumo di uova a lungo termine (superiore a 38 grammi al giorno) aumentava il rischio di diabete di circa il 25%. L’effetto è risultato più pronunciato nelle donne che negli uomini.

diabete uova

«Per sconfiggere il diabete – spiega la dottoressa Ming Li, autrice principale dello studio – è necessario un approccio multiforme che non comprenda solo la ricerca, ma anche un chiaro insieme di linee guida per informare e guidare il pubblico. Questo studio è un passo verso questo obiettivo a lungo termine». Le qualità alimentari dell’uovo sono state apprezzate dall’uomo sin dall’antichità; già nell’antico Egitto si allevavano polli e fu inventato un sistema artificiale di incubazione delle uova, come testimoniano lo storico greco Diodoro Siculo nella narrazione di un suo viaggio in Egitto e il letterato romano Varrone in Rerum rusticarum libri.

I Cartaginesi mangiavano uova di struzzo.

I Cartaginesi, come narra Massimo Montanari nella Storia dell’alimentazione, mangiavano invece uova di struzzo. Anche i Greci consumavano uova di gallina, tant’è che il medico greco Galeno affermava che nella dieta di una persona anziana non dovevano mai mancare. Presso i Romani le uova di gallina, insieme a pane, olive e vino; componevano l’antipasto (gustatio) della cena. Queste facevano parte di in un detto (ab ovo usque ad mala, cioè “dall’uovo alle mele”) che denotava il tipico pasto completo. Nell’ambito della tecnica pittorica, la chiara d’uovo ha trovato impiego per la preparazione dell’amalgama (detta bolo); essa necessaria per la doratura dei dipinti su tavola lignea, elemento caratteristico dell’arte sacra.

Abc Musica La musica come non l'avete mai sentita!

About Andrea Quartu

Andrea Quartu
Studio Scienze Della Comunicazione. Estremamente sopra le righe e appassionato di moda. Mi piace molto scrivere, ma ho sempre paura di sbagliare le virgole.

Controlla anche

x5913193 poster.jpg.pagespeed.ic .hMYGZPcbQj

Narrativa come cura, per pazienti diabetici

Nata prima scheda di medicina narrativa italiana per diabete tipo 2: una cura maggiormente personalizzata …