Janas
Legambiente: stop alla pesca di ricci di mare per tre anni

Legambiente: stop alla pesca di ricci di mare per tre anni

Legambiente propone uno stop alla pesca di ricci di mare per ben tre anni.

Legambiente con questo appello si rivolge alla Regione, perché c’è bisogno di un urgente azione di ripopolamento. Sospensione per tre anni della raccolta di ricci di mare. E finanziamento di un programma di ripopolamento che impieghi i ricciai professionali. Sono le due proposte di Legambiente per scongiurare la scomparsa dei ricci dal mare sardo. E allo stesso tempo per non lasciare senza lavoro chi si occupa della loro raccolta e della loro commercializzazione.
L’appello è rivolto alla Regione. La richiesta nasce dopo una serie di incontri con pescatori, ricercatori universitari, esperti e gestori di aree marine protette. Da lì emerso un quadro molto allarmante che consiglia di intervenire con urgenza.
I problemi? La richiesta esponenziale – spiega Legambiente – da parte del mercato della “polpa di riccio” con conseguente eccesso di pesca e numerosi episodi di abusivismo, e il degrado progressivo degli habitat costieri e delle praterie di posidonia.
L’ sos alla Regione è articolato in una serie di divieti e proposte alternative. Primo, divieto assoluto della raccolta dei ricci nelle Aree Marine Protette, i SIC e ZPS. Secondo, moratoria di tre anni della raccolta dei ricci su tutto il territorio costiero.
Legambiente suggerisce anche un finanziamento straordinario per la predisposizione di un programma di azione di ripopolamento, una drastica della commercializzazione della polpa di ricci e una campagna di divulgazione per spiegare a operatori del settore e cittadini che rinunciare al consumo dei ricci per qualche anno è indispensabile per favorire il ripopolamento.

About Andrea Ennas

Andrea Ennas
Sono un giovane ventenne appassionato di sport, musica e cinema.

Controlla anche

images 3

Università di Cagliari:Lauree magistrali con doppio titolo

INGEGNERIA PER L’AMBIENTE E IL TERRITORIO, ALL’UNIVERSITÀ DI CAGLIARI I PRIMI LAUREATI CON DOPPIO TITOLO. …