Alexa Unica Radio
scena unita musica

‘Scena Unita’: insieme per rafforzare il settore della musica

Franceschini: “insieme per rafforzare anche attraverso iniziative benefiche private un settore particolarmente colpito dalla pandemia”

Il MiBACT, sin dai primi momenti dell’emergenza pandemica, ha messo in campo una serie di misure per sostenere le realtà e i lavoratori dello spettacolo. Ha introdotto misure straordinarie di welfare. Oggi, grazie alla generosità di alcuni artisti e al coinvolgimento di importanti istituzioni del terzo settore, con “Scena Unita” si compie un ulteriore passo in avanti, aprendo a nuove forme di collaborazione per incitare azioni solidali nei confronti dei lavoratori della musica e dello spettacolo.  

“Grazie all’intesa con il Cesvi e alla sensibilità di molti artisti e professionisti del mondo della musica – dichiara il Ministro per i beni e le attività culturali e per il turismo, Dario Franceschini – il MiBACT ha inaugurato una nuova forma di collaborazione per continuare a rafforzare gli strumenti di tutela per lo spettacolo. Verranno favorite anche iniziative benefiche di natura privata mirate a sostenere un settore particolarmente colpito dalla pandemia”.

I dettagli

Per ora ci sono 86 artisti e 26 aziende. L’obiettivo più urgente è mettere una toppa economica ai disastri creati dal Covid. Nonostante ciò, si prova a guardare oltre e pensare a come mettere ordine in un settore che non ha mai avuto regole. «Questo progetto ha una triplice valenza: creare coesione nel sistema; recuperare fondi per aiutare i lavoratori fermi; rendere i lavoratori parte integrante della mappatura del settore, e anche per questo c’è il sostegno del ministero dei Beni culturali, i cui problemi risalgono a prima della pandemia», riassume Fedez alla presentazione condotta da Cristina Parodi.

I fondi sono arrivati dagli sponsor e dagli artisti. Fra i soggetti coinvolti anche La musica che gira e Music Innovation Hub, associazioni che già durante il primo lockdown erano intervenute nell’emergenza. Il Cesvi che coordinerà la raccolta e la distribuzione dei fondi. Sono previste erogazioni a chi è in difficoltà, ma anche attività di formazione dei lavoratori e supporto a progetti per creare nuove opportunità di lavoro.

About Ilaria Furia

Dopo aver conseguito il diploma di Lingue straniere, ho frequentato un corso triennale universitario per approfondire le conoscenze linguistiche e traduttive moderne. Seguo il corso per la laurea magistrale sulla specialistica della traduzione, con numerosi corsi di informatica per la traduzione. Parlo abbastanza bene l'inglese e il francese e fluentemente lo spagnolo. Sono una persona socievole, dinamica, con buone doti comunicative e ottime competenze relazionali.

Controlla anche

theatre 2535552 1920

A Sassari lo spettacolo “Visioni di Segundo”

Get Widget L’Associazione musicale “Laborintus” presenta lo spettacolo musicale Visioni di Segundo (cine concerto).Ore 21.30 …