Janas
scienziati globuli bianchi

Globuli bianchi per contrastare cellule tumorali

Determinati globuli bianchi, denominati granulociti neutrofili, potrebbero essere usati per trattare i tumori.

Determinati globuli bianchi potrebbero essere usati per trattare i tumori stimolando una sorta di “allenamento” di questa area del sistema immunitario innato. A crederci è un team di scienziati del Centro nazionale per le malattie tumorali di Dresda e dell’Università di Dresda. I ricercatori per stimolare questa parte del sistema immunitario stanno cercando di utilizzare il beta-glucano. Ovvero una molecola di zucchero a catena lunga che può essere trovata soprattutto nelle pareti cellulari dei funghi, dell’orzo o dell’avena.

I ricercatori hanno già provato ad “allenare” le cellule precursori di questi globuli bianchi del sistema immunitario rendendoli efficaci per la formazione di sangue del midollo osseo. I ricercatori credono che tale meccanismo possa essere usato in futuro per nuova immunoterapia contro il cancro.

Intanto hanno pubblicato un nuovo studio che descrive questo stesso meccanismo. E i risultati che hanno raggiunto si trovano nella rivista Cell.

Una immunoterapia è una terapia che conta di contrastare la malattia manipolando i meccanismi già insiti nel corpo di difesa naturale contro le stesse malattie. In questo caso contro le cellule tumorali. La maggior parte delle immunoterapie sviluppate fino ad ora si basano sulle le cellule T oppure sulle cellule dendritiche o sugli anticorpi. 

Questa è la prima volta che si tenta di innescare una risposta immunologica contro i tumori attraverso cellule speciali come i granulociti neutrofili. Secondo Triantafyllos Chavakis, direttore dell’Istituto di chimica clinica e medicina di laboratorio (IKL) dell’Ospedale universitario Carl Gustav Carus di Dresda, sulla base di questi risultati potrebbero essere concepite in futuro nuove forme di immunoterapia contro il cancro.

Abc Musica La musica come non l'avete mai sentita!

About Nadia Dessì

Nata e cresciuta a Carbonia, dopo il diploma in Ragioneria ho proseguito gli studi presso l'Università di Cagliari, sono Dottoressa in Scienze Politiche e specializzanda in Relazioni Internazionali. Appassionata di politica e di attualità.

Controlla anche

tumore, ricerca cellule

Tumore al polmone: passi avanti verso la terapia personalizzata

Identificata, mediante una nuova tecnica, una sottopopolazione di cellule tumorali caratterizzate dall’aggressivo gene K-RAS mutato, …