Alexa Unica Radio
La Danimarca abbatterà 15 milioni di visoni

La Danimarca abbatterà 15 milioni di visoni

Per una mutazione del virus che mette a rischio l’efficacia di un futuro vaccino la Danimarca abbatterà tutti i 15 milioni di visoni allevati nel suo territorio.

La Danimarca abbatterà tutti i 15 milioni di visoni allevati nel suo territorio a causa di una mutazione del Covid-19 già trasmessa a 12 persone, che minaccia l’efficacia di un futuro vaccino per l’uomo. Lo ha annunciato la premier Mette Frederiksen. “Il virus mutato tramite il visone può creare il rischio che il futuro vaccino non funzioni come dovrebbe. È necessario macellare tutti i visoni”, ovvero da 15 a 17 milioni di animali, secondo le autorità, ha detto la premier in conferenza stampa.

visoni danimarca

Il visone europeo (Mustela lutreola Linnaeus, 1761), noto anche come lutreola, è una specie semi-acquatica di mustelide originaria dell’Europa. Ha una colorazione simile a quella del visone americano, ma è leggermente più piccolo e possiede un cranio meno specializzato. Nonostante presenti nome, struttura fisica e comportamento simili; il visone europeo non è un parente stretto del visone americano, ma della puzzola europea e della donnola siberiana (kolonok). Il visone europeo vive prevalentemente lungo torrenti di foresta che congelano raramente durante l’inverno. Si nutre soprattutto di arvicole, rane, pesci, crostacei e insetti. Il visone europeo è classificato dalla IUCN tra le specie in pericolo critico a causa della sua continua diminuzione; è stato calcolato che nel corso delle ultime tre generazioni il numero di esemplari sia diminuito di oltre il 50%. Si prevede che il tasso di diminuzione superi l’80% nel corso delle successive tre generazioni.

La popolazione di visoni europei iniziò a diminuire durante il XIX secolo.

La popolazione di visoni europei iniziò a diminuire durante il XIX secolo, quando la specie scomparve rapidamente da alcune parti dell’Europa centrale. Nel corso del XX secolo, il numero di visoni è diminuito in tutto il loro areale; è stato ipotizzato che dietro questo calo vi sia una combinazione di fattori, tra cui il cambiamento climatico. La competizione con il visone americano introdotto dall’uomo (nonché le malattie da esso trasmesse); la distruzione dell’habitat, la diminuzione del numero di gamberi di fiume e l’ibridazione con la puzzola europea. In Europa centrale e Finlandia il declino ha preceduto l’introduzione del visone americano; ed esso è probabilmente dovuto alla distruzione degli ecosistemi fluviali, mentre in Estonia il declino sembra coincidere con la diffusione del visone americano.

About Andrea Quartu

Studio Scienze Della Comunicazione. Estremamente sopra le righe e appassionato di moda. Mi piace molto scrivere, ma ho sempre paura di sbagliare le virgole.

Controlla anche

Covid, Clementi: “Non chiamiamola quinta ondata, avanti verso freedom day”

Get Widget “A fine marzo o ai primi di aprile i contagi dovrebbero tronare a …