Alexa Unica Radio
Ducati

Ducati World Première 2021: presentazioni online

La prima delle prossime novità Ducati, attese nel corso di cinque episodi che compongono il programma di World Première 2021, è l’anticipata Multistrada V4.

Sulla quarta generazione di Multistrada si prospetta l’adozione di radar nella zona anteriore e retrostante, fungendo da dispositivi ausiliari. Un’idea a cui da tempo si era interessata la casa emiliana collaborando con il Dipartimento di Elettronica, Informazione e Bioingegneria del Politecnico di Milano, da quanto emerso. Si tratta di sistemi di supporto da non confondere con soluzioni di guida autonoma, si ricorda. Chi guida ha sempre il controllo del mezzo. Il radar frontale risulta associato al cruise control adattivo; mentre quello retrostante è focalizzato sui veicoli presenti nel cosiddetto “angolo cieco” o in avvicinamento a una velocità sostenuta, da quanto si apprende. In evidenza anche un nuovo propulsore V4 Granturismo. Un’unità composta da quattro cilindri a V disposti a 90° da 1.158 cm³, studiato per proporre un carattere sportivo e contemporaneamente versatile.

ducati world

Un cuore da travel-enduro più corto di 85 millimetri, più basso di 95 mm e più largo di 20 mm rispetto a un propulsore Testastretta DVT. La potenza massima raggiunge i 170 cavalli a 10.500 giri/minuto, la coppia 125 Nm a 8.750 giri/minuto. Omologazione Euro 5. Indicati anche un cambio a sei marce con sistema Ducati Quick Shift Up & Down. Ducati World Première stavolta è sviluppata in formato digitale, data l’emergenza sanitaria. Elencati cinque episodi trasmessi via web nel corso di altrettanti mercoledì, iniziando dalle ore 19:00 del 4 novembre e in successione nei giorni 11 novembre, 18 novembre, 25 novembre e 2 dicembre. Ogni capitolo pubblicato su Ducati.com in sette lingue compreso l’italiano: cinese, francese, giapponese, inglese, tedesco e spagnolo.

La ducati.

L’azienda nacque nel 1926 per volontà dell’ingegnere Antonio Cavalieri Ducati (Comacchio 2 aprile 1853 – Bologna 27 giugno 1927) con il nome di Società Scientifica Radio Brevetti Ducati, specializzata nella ricerca e produzione di tecnologie per le comunicazioni radio. Lo scopo era di sfruttare industrialmente i brevetti del figlio Adriano, pioniere delle trasmissioni radiofoniche. Questi, benché giovanissimo, aveva realizzato il primo collegamento stabile Italia-Stati Uniti e il primo collegamento simultaneo tra i cinque continenti. Ben presto, grazie ai figli di Antonio Ducati (morto solo un anno dopo la fondazione), l’azienda cominciò ad affermarsi, per poi spaziare in svariati campi industriali. I figli Adriano, Bruno e Marcello Cavalieri Ducati iniziarono la loro attività con la produzione di un condensatore denominato “Manens“, nello scantinato di un edificio situato nel centro di Bologna, in Via Collegio di Spagna.

About Andrea Quartu

Studio Scienze Della Comunicazione. Estremamente sopra le righe e appassionato di moda. Mi piace molto scrivere, ma ho sempre paura di sbagliare le virgole.