Alexa Unica Radio
Dermatite atopica

Dermatite atopica, tralokinumab riduce colonizzazione Stafilococco

Tralokinumab è un anticorpo monoclonale completamente umano che neutralizza in modo specifico la citochina IL-13; fattore chiave nell’infiammazione cronica alla base della dermatite atopica degli adulti.

Sono stati annunciati al Congresso virtuale 2020 dell’Accademia Europea di Dermatologia e Venereologia (EADV) i dati che dimostrano il profilo di sicurezza di tralokinumab; un anticorpo monoclonale sperimentale completamente umano che neutralizza in modo specifico la citochina interleuchina 13 (IL-13). I dati di un’analisi aggregata di tre trial pivotal di Fase 3 (ECZTRA 1, 2 ed ECZTRA 3), uno di Fase 2 (ECZTRA 5) e uno di Fase 2b; hanno dimostrato che la frequenza complessiva di eventi avversi con tralokinumab è comparabile a quella del placebo nel periodo iniziale di 16 settimane; se usato in monoterapia e in terapia combinata con il corticosteroide per uso topico (mometasone) in pazienti adulti con dermatite atopica da moderata a grave. I dati presentati includono l’impatto di tralokinumab sulla colonizzazione di Stafilococco aureo e gli effetti di tralokinumab sulle risposte ai vaccini DTPa e meningococco.

dermatite

Si tratta di una terapia sperimentale in fase di sviluppo clinico, la cui efficacia e sicurezza sono attualmente oggetto di valutazione da parte delle autorità regolatorie. “Poiché la dermatite atopica è una condizione cronica in grado di affliggere le persone per tutta la vita; gli studi sulla sicurezza di tralokinumab e sul suo impatto sulla colonizzazione di Stafilococco aureo e sulle risposte ai vaccini sono fondamentali. Questo per aiutare medici e pazienti a valutare nuove, potenziali opzioni di trattamento”. Le dichiarazioni di Thomas Werfel, MD, Direttore della Divisione di Ricerca, Immunodermatologia e Allergie e Vice Direttore del Dipartimento Clinico di Dermatologia e Allergie, presso la Hannover Medical University. “Sono impaziente di esaminare altri dati.”

Congiuntivite e dati aggregati sulla sicurezza.

Nell’analisi aggregata (n=2,285) di cinque studi, tralokinumab 300 mg Q2W (ogni due settimane) ha dimostrato un profilo di sicurezza comparabile a quello del placebo su 52 settimane. Questo per quanto riguarda la frequenza complessiva e la gravità degli eventi avversi; che è stata coerente con il periodo di trattamento iniziale di 16 settimane. La frequenza complessiva degli eventi avversi (AE) nel periodo iniziale di 16 settimane; è stata simile per tralokinumab (66%) vs placebo (67%) e gli AE sono stati migliorati o risolti rispettivamente nel 60% e nel 62% dei casi. In prevalenza si è trattato di AE lievi o moderati e gli AE gravi si sono manifestati con frequenza minore con tralokinumab (2,1%) vs placebo (2,8%). La percentuale di AE che hanno portato all’interruzione definitiva fino a 16 settimane di trattamento è stata bassa e simile tra tralokinumab e placebo (2,3% vs 2,8%).

I dati dell’analisi aggregata, quindi, hanno mostrato che la congiuntivite si è manifestata con maggiore frequenza nei pazienti trattati con tralokinumab (n=1605) vs placebo (n=680), con un tasso del 7,5% vs 3,2%. Nel complesso, nei gruppi tralokinumab e placebo si sono verificati 145 e 23 eventi di congiuntivite, rispettivamente. In prevalenza, si parla di eventi lievi (68% vs 65%) o moderati (30% vs 35%) come gravità e la maggior parte già risolta (78,6% vs 73,9%) o era in corso di risoluzione (2,8% vs 4,3%) durante il periodo iniziale di trattamento. Non si sono verificati, infatti, eventi gravi e due eventi hanno portato all’interruzione definitiva del trattamento con tralokinumab. Una maggiore incidenza di congiuntivite è stata osservata nei pazienti con dermatite atopica più severa e una storia precedente di congiuntivite allergica.

About Andrea Quartu

Studio Scienze Della Comunicazione. Estremamente sopra le righe e appassionato di moda. Mi piace molto scrivere, ma ho sempre paura di sbagliare le virgole.

Controlla anche

Erlich

Henry Erlich, gigante della biologia molecolare

Get Widget Il padre fondatore della tecnica di Reazione a catena della polimerasi nell’ ateneo …