Unica Radio Skill Alexa
Sciopero infermieri, Nursing Up: governo sordo e cieco

Sciopero infermieri, Nursing Up: governo sordo e cieco

È cominciato alle 7 di questa mattina lo sciopero degli infermieri italiani. Uno stop di 24 ore per richiamare l’attenzione dell’opinione pubblica e lanciare un messaggio forte e chiaro al Governo.

Gli infermieri chiedono la giusta attenzione e un adeguato riconoscimento per il lavoro svolto. Rinnovo contrattuale, indennità di rischio e maggiori condizioni di sicurezza, i punti principali della rivendicazione. “Gli infermieri italiani – dice Antonio De Palma, presidente nazionale del Nursing Up – sono stati costretti a fare questo sciopero. Costretti da un Governo sordo e cieco e da Regioni che nemmeno ci ricevono. Noi chiediamo di essere rispettati. Di non lavorare quando siamo positivi, per tutelare noi stessi e, soprattutto, come è giusto che sia, i pazienti che curiamo. Chiediamo di essere equiparati agli altri infermieri europei, essendo, peraltro, molto più preparati. Oggi molti di noi scioperano, ma tanti altri lavorano per garantire i servizi essenziali. Un gesto responsabile per rispetto dei pazienti”.

sciopero infermieri governo

Come simbolo dello sciopero gli infermieri hanno scelto un garofano bianco. “Il garofano – spiega De Palma – per ricordare i colleghi che hanno perso la vita e per sottolineare il rispetto dei principi e dei valori ai quali si ispira la nostra professione”. Nel Medioevo e fino all’età moderna, l’assistenza infermieristica è generalmente erogata da religiosi. Tra gli esempi più famosi si menziona Caterina da Siena (facente parte del terzo ordine domenicano), che nel XIV secolo in Italia, curava i malati di peste, in alcuni frangenti mettendo a repentaglio la sua vita per assisterli. Le rivoluzioni e le epidemie, negli Stati Uniti d’America, portarono a un’espansione del ruolo infermieristico nel XVIII secolo.

I problemi correlati ai bisogni di assistenza erano legati a motivi igienico-sanitari e ai bassi standard di vita. Il calo di mortalità iniziatosi nel XVIII secolo diventa più marcato nel XIX secolo. I motivi per i quali si muore meno sono riconducibili a due, il primo è un sostanziale aumento delle condizioni di vita, il secondo motivo riguarda i frutti della rivoluzione scientifica che si incominciano a vedere dal decennio 1870-80.

About Andrea Quartu

Andrea Quartu
Studio Scienze Della Comunicazione. Estremamente sopra le righe e appassionato di moda. Mi piace molto scrivere, ma ho sempre paura di sbagliare le virgole.

Controlla anche

2020

2020 da eroi dimenticati, ai sanitari diciamo grazie

“Smettete di chiamare eroi, infermieri, medici e operatori. Se non gli concedete neanche un euro …