Janas
stress post traumatico

Disturbo da stress post-traumatico: un gene

Accelerare l’invecchiamento del cervello 

Disturbo da stress post-traumatico: tale condizione può interagire con una variante del gene klotho.  Un gene, che i ricercati hanno studiato, legato alla longevità umana. Ciò produce un acceleramento dell’invecchiamento del tessuto cerebrale. La scoperta è stata fatta da un gruppo di ricercatori del National Center for PTSD.

I ricercatori hanno analizzato i cervelli donati da vari individui alla VA National PTSD Brain Bank e hanno in particolare posto la propria attenzione sulle variazioni genetiche. Hanno inoltre evidenziato diversi collegamenti di queste ultime con il disturbo da stress post-traumatico. Ossia un disturbo mentale che di solito si verifica dopo l’esposizione a eventi traumatici tra cui guerra, incidenti stradali, abusi e simili.

Analizzando i possibili collegamenti i ricercatori poi ne trovavano uno in particolare. Le prove di invecchiamento epigenetico accelerato nel tessuto del cervello con una particolare variante genetica del gene klotho. I ricercatori hanno quindi eseguito esperimenti molecolari e hanno avuto la conferma che questa variante genetica può regolare la trascrizione del gene klotho.

“Questo lavoro ci consente di individuare meglio chi è a rischio di invecchiamento cellulare accelerato. Soprattutto per quanto riguarda la comparsa prematura di malattie. Questo può aiutare a identificare le popolazioni a maggior rischio in modo che i trattamenti mirati possano essere abbinati agli individui che ne hanno più bisogno. Inoltre, i risultati indicano potenziali bersagli terapeutici nello sviluppo di approcci farmacologici per rallentare il ritmo dell’invecchiamento cellulare”. Come spiega Erika Wolf, una psicologa nonché professoressa associata di psichiatria alla BUSM e autrice principale dello studio.

 

 

About Francesca Dessì

Francesca Dessì
Ho 23 anni e una grande voglia di mettermi in gioco

Controlla anche

laboratory 563423 1920

Giornata malattie rare: oltre il 50% componente neurologica e fino a 30 anni di attesa per conferma diagnosi

Anche quest’anno la Società Italiana di Neurologia è in prima linea in occasione della Giornata …