Janas
Immuni

Il consiglio del Rettore in vista della ripartenza delle attività.

L’Ateneo chiede a studentesse, studenti e personale di scaricare l’app

Il consiglio del Rettore in vista della ripresa delle attività accademiche, invita tutti gli studenti e le studentesse, il corpo docente e il personale tecnico-amministrativo a scaricare l’app Immuni. L’applicazione, nel rispetto della privacy, segnalerà agli utenti il contatto con una persona positiva al Coronavirus. 

 
La prevenzione

“Considerata l’importanza della prevenzione del contagio – spiega Maria Del Zompo, Rettore dell’Università di Cagliari – e del rispetto delle misure suggerite per evitarlo. Abbiamo aderito con determinazione al sollecito della CRUI e quindi invitiamo le studentesse, gli studenti e tutto il personale a scaricare l’app Immuni”.

Il consiglio del Rettore spiega che si tratta di uno strumento indispensabile per il contrasto al Covid-19, in quanto permette la tempestiva informazione degli utenti e l’attivazione immediata delle misure di sorveglianza sanitaria. 

 
Il flop di Immuni, scaricata da 154mila sardi

I sindaci non si stancano di ripeterlo nei messaggi sui social alla popolazione. «Installate l’app Immuni, è importante per il monitoraggio e la prevenzione contro il coronavirus nelle nostre comunità». Il presidente dell’Anci Emiliano Deiana lo ha ribadito ieri: «Abbiamo uno strumento semplice e innovativo per proteggerci, la app Immuni, che utilizza la tecnologia per avvertire gli utenti che hanno avuto un contatto con una persona positiva. Scaricatela sul vostro smartphone, più siamo meglio è».
 

I numeri


Il problema è che siamo in pochi, pochissimi. In Sardegna hanno fatto il download appena 154.100 persone, il 9,4% dei residenti, perfino meno della già bassa media nazionale (9,9%). Dopo le infinite polemiche sulla privacy, le teorie complottiste e negazioniste, le prese di posizione di chi è sempre convinto di saperne più degli altri. Il risultato è che mentre il virus ha ripreso a galoppare, Immuni non può contribuire a ridurre il numero dei contagi. In particolare, quelli causati da chi non ha sintomi, assicurando che gli utenti possano ricevere attenzioni mediche prima possibile, minimizzando il rischio di complicanze.
 

La storia


Certo, ci sono anche criticità, come racconta il cagliaritano Ivan Caddeo, sulla sua pagina Facebook. «Il 30 agosto Immuni mi notifica che ho avuto, alcuni giorni prima, un contatto diretto con un Covid-19 positivo. Chiamo il mio medico, che mi ripete le indicazioni per l’isolamento domiciliare. Stare in una stanza separata da moglie e figlia, usare un bagno diverso, eccetera. Poi mi dice di chiamare l’Unità di crisi. Prima telefonata, sintesi: se non ho il nome del Covid-19 positivo mi dicono che non possono fare nulla.


Il tampone

Seconda telefonata: stesso disco della prima. Allora la telefonata la fa direttamente il medico, a cui dicono che li devo chiamare subito. La terza volta finalmente registrano i miei dati e mi dicono che sarò contattato». Caddeo spiega poi che il tampone glielo hanno finalmente fatto avant’ieri, dieci giorni dopo la segnalazione, ma soltanto perché sia a lui che a sua figlia è venuta la febbre e hanno avvisato guardia medica e pediatra. «Insomma, mi sono trovato risucchiato in un gorgo burocratico, rimpallato qua e là da chi non sapeva come muoversi. Io sono rimasto a casa e ho avuto tanta pazienza, ma non credo che tutti si comportino allo stesso modo.

Non dico che Immuni non serva, anzi, credo che bisogna assolutamente scaricarla, ma evidentemente in Sardegna nella catena c’è un anello debole. La responsabilità civile imporrebbe a tutti noi l’installazione della app, ma la scarsa capacità di reazione delle strutture sanitarie del territorio rischia di annullarne ogni effetto».
 

Le avvertenze


Più italiani avranno Immuni sul proprio telefono, più elevata sarà la sua efficacia. «Se tutti la scaricassero avremmo un servizio nazionale molto più efficiente, perché se si riceve il segnale si può andare subito a fare il tampone e non serve chiudere aree vaste», ha spiegato il viceministro alla Salute, Pierpaolo Sileri. «Consente infatti un contact tracing impeccabile. A luglio ad esempio, su un Frecciarossa è stato spento un focolaio grazie a Immuni. Purtroppo è stata un flop tra i giovani».
 

L’Università


Ieri Maria Del Zompo, rettore dell’Università di Cagliari, in vista della ripresa delle attività accademiche ha invitato a studenti, docenti e personale a scaricarla. «Considerata l’importanza della prevenzione del contagio e del rispetto delle misure suggerite per evitarlo, abbiamo aderito con determinazione al sollecito della Conferenza dei rettori», spiega, «chiedo a tutti di prendere seriamente in considerazione la possibilità di installare Immuni». Il consiglio del Rettore raccomanda di informarsi anche sulla homepage del sito dell’Università e su tutti i canali social.

About Francesca Dessì

Francesca Dessì
Ho 23 anni e una grande voglia di mettermi in gioco

Controlla anche

syringe 1884758 1920

Nieddu, in Sardegna 50mila immunizzati entro marzo

“Altri cinquantamila vaccinati in Sardegna entro la fine di marzo. Ma senza considerare gli hub …