Janas
Indagine Kaspersky: 92% delle imprese fallisce i progettiCaviglione Rispoli e Sgarbiossa: l’ intervista

Indagine Kaspersky: 92% delle imprese fallisce i progetti

 

Secondo quanto emerso da una nuova ricerca di Kaspersky, , il 95% dei responsabili dello sviluppo di progetti di innovazione nelle imprese a livello globale e il 92% in Europa ha dichiarato di veder fallire questi progetti prima che vengano lanciati.

Molti di questi nell’indagine Kaspersky non superano neppure la fase di sviluppo (36% a livello mondiale, 26% a livello europeo). La mancanza di collaborazione con i dipartimenti di sicurezza informatica aumenta, inoltre, la probabilità che un progetto non venga mai realizzato.


Accade spesso che i prodotti innovativi sviluppati dalle imprese non riscuotano successo. La console di gioco Virtual Boy di Nintendo, e il fitness tracker Nike FuelBand sono entrambi degli ottimi esempi di insuccessi. Come ha dimostrato l’esperienza di General Electric, una trasformazione dei processi interni non sempre produce i risultati desiderati.

Tuttavia, il fallimento di un progetto già lanciato sul mercato è solo l’aspetto più evidente dell’insuccesso.

Secondo quanto emerso da uno studio di Kaspersky,  sono stati intervistati 304 senior decision maker nel campo dell’innovazione. La fase di sviluppo è considerata la più impegnativa di tutto il “ciclo di vita del processo di innovazione”. Lo conferma un terzo (36%) degli intervistati a livello globale e il 26% del campione europeo.

Il 19% degli intervistati a livello globale concorda sul fatto che, la ragione principale del fallimento di un progetto innovativo, dipenda dalla la mancanza di un piano e di procedure strutturate.

Questo significa che, per trasformare un’intuizione in una proposta realizzabile, la capacità di esecuzione è importante tanto quanto l’originalità dell’idea stessa. Una volta stabilita la roadmap, è necessario anche riesaminarla regolarmente. In modo da stare al passo con le attività dei concorrenti, i trend di mercato e le fluttuazioni del settore.

La sicurezza informatica non è stata annoverata tra le ragioni principali per cui i progetti possono fallire. E’ opinione comune che non includere i Chief Information Security Officer nelle fasi del processo aumenti la probabilità che le imprese non riescano a realizzare i progetti innovativi. La causa potrebbe essere l’incapacità di adattare i progetti alle severe norme di sicurezza informatica. Più della metà degli intervistati, infatti, (57% a livello europeo e 54% a livello globale) ritiene che le policy IT della propria azienda rappresentino un ostacolo per l’innovazione.

“Un’azienda che vuole innovare dovrebbe essere disposta a correre dei rischi ed essere pronta ad affrontare anche eventuali insuccessi”

“Ci sono comunque alcuni accorgimenti pratici per assicurarsi che una tecnologia o un nuovo prodotto raggiungano la fase di lancio. La sicurezza informatica non dovrebbe rappresentare un’altra barriera all’interno dell’azienda, ma dovrebbe essere parte integrante del progetto sin dall’inizio. È fondamentale coinvolgere i CISO sin dalle prime fasi della pianificazione”, ha dichiarato Alexander Moiseev, Chief Business Officer di Kaspersky.

Abc Musica La musica come non l'avete mai sentita!

About Roberta Pau

Roberta Pau
Nata e cresciuta a Cagliari, attualmente laureanda in lingue e comunicazione. Lavoratrice, amo viaggiare e ho una grande passione per ogni forma d'arte.

Controlla anche

artigianato

Realtà artigianali: Primo trimestre ancora in affanno per le imprese sarde

L’artigianato sardo ancora con il fiato corto, ma le imprese resistono. Nel primo trimestre settore …