Janas
Chi è felice impara più in fretta

Serotonina: chi è felice impara più in fretta 

Un team internazionale ha scoperto un effetto precedentemente sconosciuto della serotonina.

Chi è felice impara più in fretta. Un team internazionale del Champalimaud Centre for the Unknown (Ccu), in Portogallo, e dell’University College London (Ucl), nel Regno Unito, ha infatti scoperto un effetto precedentemente sconosciuto della serotonina, meglio nota come ‘l’ormone della felicità’, sull’apprendimento. I risultati dello studio sui topi sono pubblicati su ‘Nature Communications’.

La serotonina è una delle principali sostanze chimiche utilizzate dalle cellule nervose per comunicare tra loro, e i suoi effetti sul comportamento non sono ancora chiari. Per molto tempo i neuroscienziati si sono interrogati sull’azione di questo neurotrasmettitore in un cervello normale. Finora però è stato difficile definirne la funzione  in particolare per quanto riguarda l’apprendimento. Usando un nuovo modello matematico, il team internazionale sembra aver fatto luce su questo mistero.

“Lo studio ha scoperto che la serotonina aumenta la velocità di apprendimento”.

Afferma Zach Mainen, uno dei responsabili della ricerca. “Quando i neuroni della serotonina venivano attivati ​​artificialmente, usando la luce – spiega – rendevano i topi più rapidi nell’adattare il loro comportamento in una situazione che richiedeva flessibilità. Gli animali davano più peso alle nuove informazioni e modificavano la propria mente più rapidamente quando questi neuroni erano attivi”. Studi precedenti avevano collegato la serotonina con l’aumento della plasticità cerebrale, e questo lavoro contribuisce a sostenere una simile interpretazione.

Abc Musica La musica come non l'avete mai sentita!

About Roberta Pau

Roberta Pau
Nata e cresciuta a Cagliari, attualmente laureanda in lingue e comunicazione. Lavoratrice, amo viaggiare e ho una grande passione per ogni forma d'arte.

Controlla anche

sedia a rotelle

Ricerca e salute: Nuovo studio su atrofia muscolare spinale

Uno studio realizzato dal Cnr-Ibbr in collaborazione con l’Hannover Medical School ha identificato un nuovo …