Janas
Salvatore Satta Borgo estatico
Mario Faticoni 01-12-2005 PH. MARIO ROSAS

Borgo estatico, in scena la lugubre Nuoro di Salvatore Satta

Nella cornice di Casa Siddi, nuovo appuntamento con “Borgo Estatico”, adattamento del romanzo più controverso di Salvatore Satta

Penultimo appuntamento con la rassegna “Il giardino dei gelsi”, organizzata da Il crogiuolo a Casa Saddi, in via Enrico Toti 24 a Pirri. Venerdì il 21 agosto 2020, ore 21, andrà in scena  “Borgo estatico”, recital tratto da Il giorno del giudizio di Salvatore Satta, adattamento di Mario Faticoni.
 “Un romanzo quasi rimosso dalla coscienza dei sardi, poco amato dagli intellettuali perché spietato, pessimista, senza speranza e senz’appello. Eppure un capolavoro della letteratura mondiale.”

Una Nuoro sospesa tra vita e morte


Quando il suo autore morì stava ancora in un cassetto. Venne fuori cinque anni più tardi, nel 1979; per Salvatore Satta, giurista e scrittore finissimo ancora poco conosciuto, si aprì una breve stagione di gloria, prima di tornare nel limbo dell’emarginazione. Testo scomodo e, nella sua straordinaria bellezza, praticamente irrappresentabile. Una scrittura sapiente, misurata e nello stesso tempo leggera, impedisce al drammaturgo l’utilizzo di ogni trama. Nelle pagine del romanzo, le cui vicende si svolgono a Nuoro, la storia della famiglia Satta-Carboni si sbriciola, riducendosi a povere banalità, immagini sfuocate”.

Il coraggio di rappresentare l'”irrappresentabile”

Dopo i primi tentativi di affidare ad altri registi l’allestimento, nel ’95, Mario Faticoni decide di rischiare da solo: adatta il testo e dirige se stesso e un gruppo di allievi, tra cui l’esordiente Rita Atzeri. Lo spettacolo prende il nome di “Borgo estatico, primo esercizio scenico”. Da quell’esperimento rimasto incompiuto deriva l’attuale forma concerto, che esalta la drammaticità delle atmosfere create dall’autore nuorese e i suoi personaggi.
Si ricorda al gentile pubblico, che in ottemperanza alle nuove disposizioni governative, sarà necessario indossare la mascherina per tutta la durata dello spettacolo. Prenotazioni al numero 3348821892.

About Sara Ludovica Pala

Sara Ludovica Pala
Irriducibile esteta, innamorata di tutto ciò che sia estro e bellezza, vado per mostre, concerti e librerie a scovare i mille volti dell'espressione artistica; appassionata di musica, Mi affascinano i generi e gli stili più avanguardistici, e così via al noise-rock, all'art-rock e a qualsiasi autore "di nicchia" (ma poi si ritorna sempre ai mitici Beatles!). A parte il mio lato un pò radical-chic, sono infatti anche una molto pop: mi piace lo sport, Battisti e la vita all'aria aperta.

Controlla anche

aprile, festival Cul-ture

Dal 16 aprile: Prima edizione del progetto e festival Cul-TURE d’@mare

Gli incontri a scuola tra chef, ristoratori e food blogger da metà aprile e una …