Alexa Unica Radio
Linee guida per la scuola dell’infanzia

Linee guida per la scuola dell’infanzia

Le classi saranno più piccole in maniera tale che i bambini possano essere identificati. Lo scopo, semplificare l’adozione delle misure di contenimento 

 

Le linee guida per la scuola dell’infanzia prevedono classi più piccole ognuna col suo educatore. Inoltre attività all’aperto, corrette pratiche di igiene come il lavaggio frequente delle mani.

Per questo motivo le linee guida richiedono che questo tipo di educazione faccia parte della routine quotidiana dei bambini. In particolare per l’acquisizione dei corretti comportamenti che i bimbi devono adottare compatibilmente con l’età e con il loro grado di autonomia e consapevolezza.

“Stiamo lavorando ogni giorno- commenta la Ministra Lucia Azzolina -, per riportare tutti a scuola dai più piccoli ai più grandi. Le bambine e i bambini sono quelli che hanno sofferto di più il periodo di chiusura, a tutti loro stiamo riservando particolare attenzione per la ripresa”.

Le linee guida

I bambini al di sotto dei sei anni sono esonerati dall’obbligo di indossare la mascherina. Al contrario il personale è tenuto all’utilizzo dei dispositivi di protezione individuali.

La temperatura corporea deve essere misurata a casa: per poter entrare, bambini e personale non dovranno avere problemi respiratori, essere stati in quarantena o isolamento domiciliare negli ultimi 14 giorni né a contatto con persone positive.

Le classi saranno più piccole in maniera tale che i bambini possano essere identificati. Ognuna con i propri educatori, docenti e collaboratori. Lo scopo, semplificare l’adozione delle misure di contenimento nel caso di contagio da Covid-19. È previsto il rispetto del distanziamento sociale. Gli arredi potranno essere modificati per svolgere le attività quotidiane nel rispetto di tutti. I giocattoli saranno assegnati in maniera esclusiva a ciascun gruppo.

Per le mense valgono le stesse regole che per le aule: rispetto delle distanze, pulizia profonda prima e dopo i pasti. Qualora le strutture non la prevedano la merenda potrà essere portata da casa purché contenitori, confezioni o bibite siano facilmente identificabili come appartenenti al singolo bambino.

Infine l’accoglienza dei bambini dovrà essere organizzata all’esterno, prevedendo punti di ingresso e uscita differenziati. Ad accompagnarli ci sarà un solo genitore nel rispetto delle regole generali di prevenzione dal contagio, incluso l’uso della mascherina per gli adulti quando entrano nella struttura. Per una migliore organizzazione si potrà tenere un registro delle presenze delle persone che accedono all’istituto.

About Isabella Murgia

Isabella Murgia nata a Sassari, ma vivo a Cagliari dalla quinta elementare. Diploma di Liceo scientifico, laurea triennale in filosofia. Passione per il giornalismo e l'informazione.

Controlla anche

libriamoci

Libriamoci. Giornate di lettura nelle scuole

Get Widget Dal 23 al 27 ottobre a Dolianova, Donori e Soleminis oltre 600 studenti coinvolti, …