Janas
mare e miniere chitarrista

Mare e Miniere tornacon “Palma de sols” di Mauro Palmas.

Il 30 luglio Mare e Miniere torna a Portoscuso con “Palma de sols” di Mauro Palmas. Giovedì 30 luglio 2020 ore 21.30 Portoscuso, Vecchia Tonnara Su Pranu. Palma de sols con Mauro Palmas , Simonetta Soro , Alessandro Foresti, Marco Argiolas 

Il 30 luglio alle ore 21.30 la musica tornerà a risuonare nella Vecchia Tonnara Su Pranu di Portoscuso con “Palma de sols” di Mauro Palmas. L’atteso appuntamento della tredicesima edizione di Mare e Miniere vedrà protagonisti Mauro Palmas, Simonetta Soro Alessandro Foresti, Marco Argiolas. Questi porteranno in scena le musiche dell’ultimo lavoro discografico di Mauro Palmas, un viaggio evocativo e senza tempo sulle antiche rotte del Mare Nostrum. Testimone di molteplici destini e custode di inestimabili bellezze, ma anche teatro di indicibili sofferenze e veicolo di sogni e promesse di vita, tanto individuali quanto di interi popoli.

Il Mediterraneo

Al centro della narrazione il Mediterraneo, un tempo culla di civiltà diverse e di dialogo e ora specchio di egoismi feroci ed intolleranza. Da tempo immemorabile, in queste acque si addensano vite e destini che Palmas ha messo in musica traducendolo in composizioni suggestive e di grande lirismo. Trasfigurando nelle pieghe del mito vicende che riguardano ancora le cronache dei nostri giorni.

Ad incorniciare i brani il suggestivo dialogo tra corde, fiati e pianoforte il racconto, scritto appositamente per questo lavoro da Maria Gabriela Ledda. Pubblicato da Squilibri e apprezzato dalla critica, “Palma de Sols” è ispirato a Sant’Antioco. Isola delle migrazioni per antonomasia, e intessuto nelle storie di quanti al mare affidano la propria vita e le proprie speranze.

Protagonisti del racconto

I protagonisti del racconto, Antoni e Adrià, assieme al timoniere Juan Edmond Ravel e al giovane mozzo Mohamed, sono in viaggio verso Palma de Sols dove si sono dati convegno i più grandi suonatori del mondo per una competizione senza eguali in onore di Sant’Antioco. Il disco si apre con il Valzer degli increduli, un’accattivante melodia musicale a tempo di valzer, suonata tra liuto cantabile, organo ed organetto per accompagnare la danza vorticosa durante la festa in onore del santo “moro”. Ed è poi un susseguirsi continuo di suoni ed emozioni che prendono per mano l’ascoltatore e lo guidano alla scoperta di tutto un mondo.

Éspero, a indicare la malinconia che accompagna l’inizio del viaggio, il tramonto e anche il vento di ponente; Juan Edmond Ravel, il mare aperto, l’audacia, la speranza e la musica nei pensieri del timoniere; Est, il desiderio di un ritorno a casa secondo nostalgie sempre fortissime, la struggente Suonata del corso, ispirata alla Corsicana, e poi a seguire ancora gli altri brani fino ai Gozos San Antìogo, l’unico brano cantato, esito di un lungo studio sui Cantìgas de Santa Maria, vale a dire oltre 500 componimenti popolari dedicati alla Vergine, per lo più voti per ottenere una liberazione o per guarire da qualche malattia.

In conformità con le norme di sicurezza anti-Covid, per partecipare è necessario inviare richiesta all’indirizzo [email protected] indicando nome, cognome, recapiti telefonici e di posta elettronica. Nella risposta di avvenuta prenotazione saranno specificati in dettaglio luogo e orari.

Abc Musica La musica come non l'avete mai sentita!

About Isabella Cau

Isabella Cau
Ho ripreso l'Università nel 2017 dopo diverse esperienze lavorative. Studiando ho avuto modo di aprire nuovi orizzonti e ho riscoperto l'amore per i viaggi. Negli ultimi anni ho viaggiato tantissimo, ho girato circa 10 città diverse. Adoro Firenze e vado almeno una volta l'anno, è il mio posto felice. Amo i gatti, non potrei vivere senza di loro.

Controlla anche

concerto

Noa in concerto a Oristano il 3 agosto

Anticipazione sul ventitreesimo festival Dromos, Noa in concerto a Oristano il 3 agosto, i biglietti …