Janas
distanziamento

Coronavirus, solo 6 attività su 10 intendono riaprire

Secondo Confesercenti “per il 68% non conviene, è una corsa a ostacoli”. Tante problematiche per la riapertura delle attività commerciali. 

Tra il timore di lavorare in perdita, la confusione legata alle regole relative ai protocolli di sicurezza negli ambienti di lavoro e la paura del contagio da Coronavirus, sembra che lunedì 18 maggio rialzeranno le saracinesche solo 6 attività economiche o produttive su 10. Solo il 62% delle imprese – tra bar, ristoranti e negozi – è davvero intenzionato a riaprire. È quanto emerge da un sondaggio condotto da Swg per Confesercenti su un campione di imprenditori del commercio al dettaglio e della somministrazione.

Il 27% degli imprenditori ha già deciso di rimanere chiuso mentre l’11% deciderà durante il fine settimana. Tra coloro che hanno scelto di non riaprire la propria attività, il 68% è certo del fatto che in questa fase non convenga. C’è poi un 13% che continua ad avere paura per le questioni legate alla sicurezza degli ambienti, anche a causa della confusione generata dal susseguirsi delle nuove norme che hanno prodotto uno stato di incertezza in diversi imprenditori.

La poca chiarezza incide anche per il 13% di operatori che non ha ancora adeguato il locale o l’organizzazione del lavoro alle nuove disposizioni, essendo un’operazione che ha dei costi sotto il profilo della sanificazione degli spazi e dell’acquisto dei dispositivi di protezione individuale per i lavoratori e i clienti: 8 negozi e pubblici esercizi su 10 hanno dichiarato di non essere riusciti a procurarsi le mascherine a prezzo calmierato.

Una ripartenza difficile senza capitali

Cresce, in generale, la paura di non riuscire a superare la fase difficile: il 36% degli imprenditori teme di chiudere l’attività, ed un ulteriore 41% ritiene di essere a rischio in caso di inattesi prolungamenti dell’emergenza. Entrambi i dati sono in crescita, rispettivamente del 4 e del 6%, in confronto alla rilevazione precedente, condotta lo scorso 14 aprile. Quasi tutti (l’82%) sono comunque preoccupati per il futuro.

“Per le imprese la riapertura è una corsa a ostacoli e contro il tempo”. Questo il commento di Confesercenti alla luce dei risultati del sondaggio. ”Più di tutti è pesata la previsione di essere costretti a lavorare in condizioni antieconomiche. Gli imprenditori temono l’impatto della rigidità delle linee guida sulle attività. A questo si aggiunge la preoccupazione per l’aumento dei costi di gestione e il prevedibile calo dei ricavi. Sono preoccupati, inoltre, anche dal tema delle responsabilità legali”.”Bisogna cambiare passo – conclude l’associazione delle imprese – servono linee guida applicabili e aiuti economici diretti alle imprese”.

Abc Musica La musica come non l'avete mai sentita!

About Redazione

Redazione
Nata l'8 ottobre 2007 da un progetto di tre studenti universitari. Unica Radio vuole raccontare il territorio, la cultura e le attività dell'hinterland attraverso la voce dei protagonisti. Unica Radio racconta la città che cambia

Controlla anche

Anief: lezioni in presenza, ma senza affollamenti e con più personale

Il presidente del sindacato, Marcello Pacifico, ha trovato intesa con il nuovo Ministro dell’Istruzione. Si …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *