Janas
monopattino

Fase 2: Cagliari guarda a micromobilità per spostamenti

Sindaco Truzzu, servono incentivi per acquisto monopattini. Cagliari si appresta ad attivare la fase 2 con una idea di micromobilità

Cagliari punta sulla micromobilità per la Fase 2 dell’emergenza. Non solo spostamenti a piedi o in bici. Nel progetto dell’Amministrazione di Cagliari anche l’idea di prevedere di utilizzare i monopattini elettrici, soprattutto in vista della ripresa dell’attività delle imprese e delle scuole.

“L’azienda di trasporto pubblico urbano, il Ctm, prima della pandemia trasportarla 126.000 persone al giorno. Ora i pullman avranno una riduzione del 70%. Questo significa che noi abbiamo altre 80.000 persone a spasso e di questi una buona fetta sarà di persone che vengono dall’hinterland e che quindi utilizzeranno l’auto privata per entrare in città – dice il sindaco Paolo Truzzu – ovviamente non posso pensare che Cagliari riesca a reggere. Ora occorre capire se si può organizzare una città con ingressi differenziati al lavoro e avere dei parcheggi di scambio in modo tale che poi si possa proseguire con altri mezzi di trasporto”.

Truzzu, che è anche sindaco della città metropolitana ha già avanzato la sua proposta alla riunione dei sindaci metropolitani: “ho chiesto incentivi per l’acquisto di monopattini elettrici anche per aiutare per esempio gli studenti nei loro spostamenti, soprattutto al rientro in classe a settembre. Insomma cambierà il modo di vivere la città”.

About Redazione

Redazione
Nata l'8 ottobre 2007 da un progetto di tre studenti universitari. Unica Radio vuole raccontare il territorio, la cultura e le attività dell'hinterland attraverso la voce dei protagonisti. Unica Radio racconta la città che cambia

Controlla anche

Educazione

Meucci: concluso corso “educazione digitale”

Si è concluso ‘Educazione digitale’, il corso di formazione all’Ipsia Meucci di Cagliari con i giornalisti …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *