Alexa Unica Radio
Mungere pecora

Copagiri Sardegna: “La regione cambi passo”

COPAGRI SARDEGNA: Verso l’agricoltura troppa disattenzione, la regione camabi passo

Al di là delle questioni di metodo che vedono da parte del presidente Solinas un atteggiamento di indifferenza verso le Organizzazioni agricole. Rifiutando il confronto richiesto da mesi o scordandosi di invitarle alla videoconferenza da lui promossa lunedì sui temi dell’emergenza. Alla quale hanno partecipato tutte le altre organizzazioni datoriali. Ed al di là della delegittimazione strisciante perseguita dall’assessora dell’agricoltura con lo stravolgimento del “ Tavolo Verde “,  sono gli atti, quei pochi attivati, a dimostrare l’inadeguatezza dell’azione politica verso l’agricoltura che viene riconosciuta solo a parole. Nonostante sia un settore strategico dell’economia e della società sarda – denuncia Ignazio Cirronis, presidente regionale di Copagri Sardegna

La crisi del comparto ovicaprino

Se si fa riferimento alla pesantissima crisi del comparto ovicaprino – prosegue Pietro Tandeddu, direttore regionale di Copagri nonché responsabile nazionale del comparto. Che ha mosso i pastori nel febbraio dello scorso anno a sversare il latte nelle strade. Non si conosce un atto, un’idea, l’adozione di  uno straccio di disegno di legge per affrontare in termini strutturali il problema. Scaricando totalmente sullo Stato, che pure ha le sue colpe, le responsabilità. Ma anche per gli altri comparti  produttivi dobbiamo dire che non vediamo concretamente un disegno di sostengo alle imprese, agricole comprese. Che, tra l’altro,  la Giunta aveva dichiarato di voler concertare con le parti sociali prima dell’adozione del disegno di legge previsto dalla delibera del 10 aprile, ancora non scaricabile

Le pratiche arretrate

Dopo essersi assunta  l’onere di risolvere l’annoso problema delle pratiche arretrate costituendo una task force dedicata. Si scopre che Argea non ha le risorse necessarie ad incentivare il personale per l’accelerazione delle istruttorie e dei pagamenti, per cui, essenzialmente. Questa task force non è mai partita nei termini con i quali è stata concepita,   manca ancora dell’Unità di Progetto e  non fornisce  dati chiari e trasparenti per un proficuo monitoraggio; il risultato è che  non arrivano ancora a molti  produttori i benefici che avrebbero dovuto incassare  anni fa.

Questi giorni la Giunta propone di impegnare i CAA con una delibera che prevede  un’ anticipazione bancaria di premi già dovuti agli agricoltori ma non erogati. Con un meccanismo per il quale la Regione  abbatte gli interessi, non anticipandoli ai richiedenti produttori. Ma da rimborsarsi dopo la restituzione del prestito, non assistito da garanzia regionale e con spese di istruttoria a carico dell’agricoltore. Ben diversamente da  quanto invece prevede il governo nazionale per prestiti di maggiore pregnanza totalmente garantiti dallo Stato ; tutto il contrario di quello che suggerirebbe l’emergenza. E’ una proposta che valuteremo insieme a tutte le Organizzazioni aderenti ad Agrinsieme, ferma restando una nostra  grossa perplessità ad utilizzare, nelle forme proposte, tale strumento finanziario

About Elia Murgia

studente di beni culturali e spettacolo al terzo anno abita a Escalaplano, appassionato di cinema

Controlla anche

VACCINO - TRPMBOSI

AstraZeneca: trombosi venosa 1 su ogni 100.000

La precisazione dell’Aifa sui casi di trombosi venose intracraniche in soggetti vaccinati con AstraZeneca. Precisazione …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *