Alexa Unica Radio
Knox Frost

Influencer virtuali per comunicare l’andamento dell’epidemia

L’Oms si affida agli influencer virtuali per comunicare l’andamento dell’epidemia

Si chiama Knox Frost, è un 20enne di Atlanta ed è stato scelto per comunicare al giovane pubblico di Instagram l’emergenza della pandemia. Segni particolari? Non esiste! L’Organizzazione mondiale della sanità ha stretto una partnership con l’influencer Knox Frost per raccogliere donazioni e sensibilizzare i giovani sui comportamenti da tenere per evitare il contagio da coronavirus. Basterebbe già così, ma vale la pena aggiungerci il dettaglio: Knox Frost, 20enne di Atlanta, non esiste. Quel nome a metà tra un dado vegetale e una marca di padelle appartiene a un influencer virtuale, che ha pure un milione di follower su Instagram.

https://www.instagram.com/p/B-5GFv_A4q8/?utm_source=ig_web_copy_link

Si tratta di un computer generated influencer, opera dei tecnici dell’agenzia americana Influential, che hanno creato il suo volto al computer, e postano quotidianamente le foto della sua vita, con caption scritte in maniera piuttosto accattivante: Knox che gioca a basket, Knox che sta stravaccato sul divano, Knox che passeggia con un flirt, si sbrana i pancake e risponde ai messaggi in privato. Adesso, Knox parlerà anche dell’emergenza coronavirus (ha già fatto una playlist per combattere la noia da quarantena).

“Facciamo vedere che anche i giovani lottano”, ha scritto nel post in cui annunciava la partnership e invitava tutti a donare soldi all’Oms. “Se non potete donare, condividete questo post con amici e familiari”.
La partnership tra un’istituzione e un influencer virtuale è la prima del suo genere, visto che finora i Cgi influencer si erano limitati a pubblicizzare campagne di prodotti aziendali, e potrebbe aprire nuovi scenari nel mondo dell’influencing. La più celebre e più vecchia rimane Lil Miquela: 2 milioni di follower, anno di debutto 2016, nel passato ha pubblicizzato sul suo profilo campagne di Calvin Klein e Prada. Anche lei in questi giorni si è adeguata al trend e ha postato foto di lei intrappolata, come tutti, in casa.

Funzionerà? Per l’Oms sì. “Per quanto sia virtuale, Knox sta avendo un impatto concretissimo sul mondo”, ha detto un portavoce. “Ci sta aiutando a raggiungere le generazioni più giovani, e a convincerle di restare a casa”. Gli influencer virtuali avrebbero pure un altro vantaggio, ha aggiunto il Ceo di Influential, l’agenzia creatrice di Knox: “Essendo non reali, non hanno le debolezze o i difetti degli esseri umani”. Sono più “affidabili”. Noiosi, quasi. Spaventosi, per alcuni. Inumani, certamente.

About Maria Angelica Nioi

Appassionata di musica, suono il pianoforte da circa 13 anni, canto da sempre; ho partecipato a diversi concorsi canori regionali e nazionali. Diplomata in pianoforte al conservatorio, laureata in Filosofia, studio per la magistrale in Filosofia e teorie della comunicazione, laureanda in canto jazz sempre al conservatorio. Amo scrivere canzoni, leggere, ma anche andare in palestra, camminare all'aria aperta, stare a contatto con la natura.

Controlla anche

094643470 3166604d f4b8 4dee 92c8 6c0ead269e6b

Vaccini Covid, sono più sicuri nella realtà che non negli studi

Covid: i vaccini sono sicuri? Gli studi ci dicono che risultano più soddisfacenti nella realtà …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *