Alexa Unica Radio
miami

Sardi a Miami, “in 48 ore chiusi spiagge e bar”

Coppia sarda lascia lì la barca, e torna in Italia

“In America e in altre parti la situazione è sottovalutata, per questo siamo scappati da Miami“. Mauro Tangianu ed Elena Mele, sassaresi, 43 e 42 anni, vivono insieme e si alternano tra casa loro, la Sardegna, e l’altra parte del mondo, dove lavorano a bordo di imbarcazioni private: comandante lui, stewardess lei. “Da un anno facevamo parte di un equipaggio misto – raccontano all’ANSA – sino a tre giorni fa le nostre preoccupazioni sul coronavirus sembravano a tutti un’esagerazione”. Americani, ma anche australiani ed europei, non hanno chiara la percezione come chi è in contatto quotidiano con la propria famiglia in Italia.

La coppia sassarese a Miami, Mauro Tangianu ed Elena Mele
La coppia sassarese Mauro Tangianu ed Elena Mele

“Domenica scorsa il clima è cambiato di colpo e d’improvviso abbiamo temuto di restare bloccati lì a lungo, perciò abbiamo fatto i bagagli di corsa e siamo rientrati”, spiegano. In due giorni “hanno cancellato eventi, chiuso le spiagge, dimezzato la capacità di bar e ristoranti e infine chiuso i collegamenti aerei con Europa e Gran Bretagna”, proseguono.

“Abbiamo contattato il Consolato italiano di Miami al numero d’emergenza, ci hanno detto che i voli erano garantiti sino a mercoledì”. Hanno fatto subito il biglietto: Miami-New York, New York-Fiumicino e Fiumicino-Cagliari. In pochissimo hanno chiuso in valigia 443 giorni di lavoro, di posti visitati, di emozioni condivise, di persone incontrate e via. Partiti. “Avevamo in programma di trascorrere l’estate in Sardegna, magari senza lavorare e godendoci i parenti e i nostri luoghi”.

Il rientro

Il viaggio a tappe è stata una immersione graduale nella consapevolezza. “Abbiamo lasciato una Miami ancora in fase di organizzazione, senza precauzioni e inconsapevole e siamo arrivati a New York, dove ancora le mascherine erano poche”.

Sino all’aereo. “Lì tutti la indossavano, e gli avvisi all’altoparlante erano continui”. Il volo di soli italiani desiderosi di rientrare nel proprio Paese è stata una strana esperienza per una coppia che sino a 48 ore prima veleggiava nella baia di Fort Lauderdale, località turistica meno inflazionata di Miami Beach.

“Tutto stranissimo, anche l’arrivo a Fiumicino, nel silenzio assoluto – confessano – o a Cagliari, dove ci hanno misurato la temperatura e c’era la protezione civile”. Poi in auto sino a Stintino, a nord ovest, per la quarantena. “È andato tutto bene, grazie anche alle autorità che ci hanno supportato”, spiegano. “La sensazione è che in molti posti non abbiano ancora realizzato quel che stiamo affrontando” concludono.

About Giovanni Podda

Nato a Cagliari il 14/10/95. Studente di Scienze della Comunicazione e aspirante giornalista. Amante di libri, sport e tutto ciò che ha a che fare con la tecnologia. Musica? Tutto tranne la Trap.

Controlla anche

giornata nazionale vittime covid

Giornata nazionale in memoria delle vittime dell’epidemia di coronavirus

Get Widget In occasione della Giornata nazionale in memoria delle vittime dell’epidemia di Coronavirus, l’Agenzia …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.