Janas
macchina da presa

[RINVIATA] Donne con la macchina da presa:”Elles Tournent”

A partire dal 2 marzo e fino al 14 marzo, dalle 18.30, alla Cineteca Sarda, in viale Trieste 126 Donne con la macchina da presa. La rassegna di cinema al femminile “Elles Tournent”

Il cinema e le donne registe, connubio che fin dalle origini della settima arte ha generato opere di grande impatto sociale e culturale. Ma non solo. Prima che Hollywood diventasse il regno del potere maschile, tra gli anni Dieci e Venti, agli albori erano proprio le donne a farla da padrona. È su questi temi che si concentra la rassegna “Elles Tournent, donne con la macchina da presa”, organizzata a Cagliari dalla Cineteca Sarda della Società Umanitaria, in collaborazione con la Circola nel cinema Alice Guy, la Cineteca Nazionale, con il sostegno della Fondazione Sardegna Film Commission e con il coinvolgimento del network di “Women in Film and Audiovisual in Sardegna”.

A partire dal 2 marzo e fino al 14 marzo, dalle 18.30, alla Cineteca Sarda, in viale Trieste 126, sarà proposto un viaggio alle origini del cinema, con “Elles Tournent” si parla di quando le donne non avevano ancora il diritto di voto ma avevano un ruolo di primo piano dietro la macchina da presa: dalla regia alla recitazione, dalla sceneggiatura al montaggio, la loro presenza fu significativa fino all’avvento del sonoro, quando per lungo tempo furono relegate in posizioni subalterne.

L’obbliettivo

“L’obiettivo dell’iniziativa “Elles Tournent” – affermano Giulia Mazzarelli, operatrice culturale della Cineteca Sarda, e Antonello Zanda, direttore del CSC di Cagliari della Società Umanitaria, – è di colmare i vuoti di memoria nella storia del cinema proponendo al pubblico le opere di Alice Guy, Lois Weber, Elvira Notari, Mabel Normand, Marion Wang, Elvira Giallanella, Dorothy Davenport Reid, Zora Neale Hurston. Un salto nel passato con lo sguardo rivolto anche al presente, alla scoperta di autrici che si sono recentemente affermate nel campo della regia, della sceneggiatura e dell’animazione in stop motion”.

Accanto alla rassegna cinematografica e agli approfondimenti tematici con studiose e docenti universitarie, il progetto prevede 3 masterclass tenuti da Valentina PediciniFederica Pontremoli e Beatrice Pucci.

L’iniziativa e il programma

L’iniziativa (tutti gli appuntamenti sono ad accesso libero e gratuito) è rivolta a chiunque sia interessato ad approfondire la conoscenza di queste autrici e a orientarsi professionalmente nel mondo del cinema.

Il programma prevede il 2 marzo, serata di debutto, l’incontro dedicato alla regista e produttrice francese Alice Guy. Alle ore 18.30 ci sarà l’incontro con Pia Brancadori (“Circola nel cinema Alice Guy”) e Lucia Cardone (Università degli Studi di Sassari). A seguire la proiezione di 8 film. Il secondo appuntamento della rassegna, il 6 marzo, sempre alle ore 18.30, sarà incentrato sulla figura e le opere di Lois Weber. Interverrà Veronica Pravadelli dell’Università degli studi Roma Tre. Dopo l’incontro con il pubblico, la proiezione delle opere della Weber. Il giorno successivo, sabato 7 marzo, sempre alla Cineteca Sarda, a partire dalle ore 10, si svolgerà un Masterclass di Regia tenuto dalla regista Valentina Pedicini (Dal profondo, Dove cadono le ombre, Faith).

La rassegna proseguirà il 13 e 14 marzo. Venerdì 13, alle ore 18.30, sempre alla Cineteca Sarda, la critica cinematografica Elisabetta Randaccio e l’autrice di saggi Micaela Veronesi parleranno dell’opera della regista romana di fine ‘800 Elvira Giallanella. A seguire la proiezioni di cinque film di altrettante registe internazionali. Chiusura il 14 marzo con due eventi, entrambi alla Cineteca Sarda: alle ore 10 la sceneggiatrice e regista Federica Pontremoli (Il caimano, Giorni e nuvole, Habemus Papam, Magnifica presenza, Ho ucciso Napoleone) terrà un Masterclass di Sceneggiatura. Nel pomeriggio, a partire dalle ore 16, la rassegna si concluderà con un Masterclass di Cinema d’animazione a cura della regista Beatrice Pucci (Appunti per un film sulla vecchiaia di Pinocchio, Soil is alive e Le nozze di Pollicino).

Il programma nel dettaglio.

2 marzo 2020 ore 18.30 @ Cineteca Sarda, viale Trieste 126, Cagliari

ALICE GUY

  • incontro con Pia Brancadori (“Circola nel cinema Alice Guy”) e Lucia Cardone (Università degli Studi di Sassari)
  • a seguire proiezione dei film La fee aux choux, Les resultats du feminisme, Alice Guy tourne une phonoscene, Phonoscène: questions indiscretes, La naissance, la vie et la mort du Christ, Algie the miner, The little ranger, The Ocean Waif

6 marzo 2020 ore 18.30 @ Cineteca Sarda, viale Trieste 126, Cagliari

LOIS WEBER

  • incontro con Veronica Pravadelli, (Università degli studi Roma Tre)
  • a seguire proiezione dei film Suspense, Idle Wives, Sunshine Molly, Shoes, Where Are My Children?

7 marzo 2020 ore 10 @ Cineteca Sarda, viale Trieste 126, Cagliari

MASTERCLASS DI REGIA

con la regista Valentina Pedicini (Dal profondo, Dove cadono le ombre, Faith)

13 MARZO 2020 ore 18.30 @ Cineteca Sarda, viale Trieste 126, Cagliari

ELVIRA E LE ALTRE

  • incontro con Micaela Veronesi, autrice di saggi su Elvira Giallanella, e Elisabetta Randaccio, critica cinematografica
  • a seguire proiezione dei film Umanità di Elvira Giallanella, The Course of Quon Gwon di Marion E. Wong, The Red Kimona di Dorothy Davenport Reid, Caught in Cabaret di Mabel Normand, Etnographic Film di Zora Neale Hurston

14 marzo 2020 ore 10 @ Cineteca Sarda, viale Trieste 126, Cagliari

MASTERCLASS DI SCENEGGIATURA

con la sceneggiatrice Federica Pontremoli (Il caimano, Giorni e nuvole, Habemus Papam, Magnifica presenza, Ho ucciso Napoleone)

14 marzo 2020 ore 16 @ Cineteca Sarda, viale Trieste 126, Cagliari

MASTERCLASS DI CINEMA D’ANIMAZIONE

con la regista Beatrice Pucci (Appunti per un film sulla vecchiaia di Pinocchio, Soil is alive e Le nozze di Pollicino)

Tutti gli appuntamenti sono ad accesso libero e gratuito.

About Federica Mezzano

Federica Mezzano
Mi chiamo Federica Mezzano, vengo da Gonnesa. Studio lingue e culture per la mediazione linguistica a Cagliari.

Controlla anche

Conoscer-si: il progetto che attraverso l’arte combatte il disagio giovanile.

Il progetto conoscer-si è triennale ed è stato finanziato dalla Fondazione di Sardegna, in collaborazione …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *