Alexa Unica Radio
berlinare 2020

Berlinale 2020: la recensione di Favolacce

Unica Radio Podcast
Unica Radio Podcast
Berlinale 2020: la recensione di Favolacce
/

L’Italia approda al Festival di Berlino 2020 con Favolacce, un film drammatico diretto da Damiano e Fabio D’Innocenzo con Elio Germano e Tommaso Di Cola, in uscita nelle sale il 16 Aprile.

Favolacce dei fratelli D’Innocenzo arriva alla Berlinale. Già dal titolo si può ben capire quale sarà l’approccio del film: quello di una favola e, nello specifico, di una favola brutta, cattiva. Perché è questo che racconta: una periferia romana (Spinaceto) con villette e giardini a vista, simbolo di un benessere falso che si scontra con gli stessi abitanti. Personaggi sgraziati, volgari, violenti, che aspirano a una vita migliore provocando solo un senso di disagio e malessere che si ripercuote sui figli con conseguenze devastanti.

Si parla di tematiche forti portate avanti da attori di grande bravura, sia grandi che piccini (soprattutto loro). Infatti fin da subito la voce fuori campo di Max Tortora ci accompagna all’interno di questa storia ricca di miseria, preannunciando l’ineluttabile dramma che ispira il titolo del film.

Elio Germano, Tommaso Di Cola, Giulietta Rebeggiani e Barbara Chichiarelli in una scena del film

Uno sguardo, quello dei registi gemelli, molto lucido e netto, che ha ben in mente quello che vuole raccontare e come lo vuole presentare. Tuttavia l’unica pecca che possiamo trovare è la narrazione, che in alcuni momenti perde le redini del discorso, abbandonando per un attimo lo spettatore dando per scontate alcune informazioni. Insomma, forse l’intento era di lasciare un po’ di spazio all’interpretazione di chi guarda, ma in certe parti si rischia di rimanere confusi.

I registi Fabio e Damiano D’Innocenzo alla conferenza stampa di presentazione di Favolacce a Berlino

In generale si tratta di una pellicola matura e molto forte, che raggiunge con successo i propri obiettivi, lasciando una sensazione di forte malessere per una realtà che ci è così vicina, ma che spesso non riusciamo a mettere a fuoco.

Sicuramente i fratelli D’Innocenzo riserveranno molte sorprese in futuro.

About Denise Maria Paulis

Classe 1996. Nerd accanita, mi piace sognare al cinema e viaggiare nei libri. Critica scrupolosa e sempre in cerca di nuove esperienze.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.