Alexa Unica Radio
diritti umani

Diritti umani una giornata per ricordarli

Il Coordinamento Nazionale dei Docenti della disciplina dei Diritti Umani in occasione del Giorno del ricordo; 10 febbraio, istituito con la legge 30 marzo 2004 n. 92. In questo modo intende promuovere azioni didattiche e/o laboratori finalizzati a; «conservare e rinnovare la memoria della tragedia degli italiani e di tutte le vittime delle foibe, dell’esodo dalle loro terre degli istriani, fiumani e dalmati nel secondo dopoguerra e della più complessa vicenda del confine orientale»; (legge 30 marzo 2004 n. 92, art. 1 c. 1).

Pulizia etnica sulla popolazione inerme, torture e violenze di ogni tipo contro donne, bambini, vecchi e adulti,  colpevoli unicamente di essere Italiani, queste violazioni dei diritti umani hanno funestato e insanguinato le province dell’attuale confine orientale, costringendo molti connazionali ad abbandonare le proprie case.

L’ esodo

Il fenomeno dell’esodo ebbe inizio dalla fine della seconda guerra mondiale e si protrasse nel decennio successivo. Si calcola che i giuliani e i dalmati italiani emigrati dalle loro sedi corrispondano a un numero oscillante tra le 250.000 e le 450.000 persone circa; infatti fu un’avvenimento così vistoso da determinare lo smistamento in quasi tutte le regioni italiane di migliaia di profughi in 109 centri di raccolta ricavati spesso da edifici in disuso e insediamenti al limite della tollerabilità.

difficoltà e discriminazione

Non sempre l’integrazione tra i nuovi arrivati e gli “autoctoni” fu semplice a causa di discriminazioni di carattere politico. Perché anche quando ogni forma di ideologia avrebbe dovuto tacere di fronte al disagio di bambini. Delle donne e anziani che, in molti casi, erano anche completamente estranei alle accuse mosse.

Diritti umani in aula

Il Coordinamento propone alle scuole secondarie di secondo e primo grado di consultare e leggere le testimonianze degli esuli giuliano dalmati per problematizzarle e contestualizzarle in classe. Siano la carità e la nonviolenza a guidare il modo in cui ci trattiamo gli uni gli altri nei rapporti interpersonali, in quelli sociali e in quelli internazionali. Queste sono state le parole di Papa Francesco, messaggio in occasione della Giornata mondiale della Pace del 2017.

About Elia Murgia

studente di beni culturali e spettacolo al terzo anno abita a Escalaplano, appassionato di cinema

Controlla anche

Aborto in Polonia: una sentenza del tribunale vieta la pratica. Riesplodono le proteste

Get Widget Scoppiano di nuove le proteste in Polonia dopo la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.