Alexa Unica Radio
Gianfranco Berardi

Gianfranco Berardi e Gabriella Casolari registi de I figli della Frettolosa

Unica Radio Podcast
Unica Radio Podcast
Gianfranco Berardi e Gabriella Casolari registi de I figli della Frettolosa
/

Ritorna a Cagliari sul palco del Teatro Massimo lo spettacolo I Figli della Frettolosa di Berardi e Casolari

Il nuovo spettacolo di Gianfranco Berardi e Gabriella Casolari affronta la questione della diversità. Si focalizza in modo particolare sulla cecità e sul senso che ha oggi il ‘vedere’. Un mondo bombardato da immagini e suoni che alluvionano i sensi forti, ovvero la vista e l’udito.

Il punto di partenza di queste riflessioni è quello di un cieco, di chi guarda ma non vede, di chi sente la realtà e di chi percepisce differentemente. È un punto di vista reale, in quanto limite fisico, ed anche metaforico, in quanto condizione esistenziale.

Un’immagine e un’idea ha preso corpo in questi anni nella fantasia dei due artisti. Un coro composto da persone non vedenti, con i bastoni bianchi e gli occhiali scuri, che diviene rappresentazione della nostra società, allegoria di un popolo cieco, smarrito, che vive in una condizione permanente di instabilità, di assenza di prospettive.

Il progetto coinvolge infatti un gruppo di persone non vedenti ed ipovedenti. A partire da spunti autobiografici, porta in scena insieme agli attori della compagnia un affresco del contemporaneo attraverso il quale raccontarsi e nel quale riconoscersi.

Dopo la bella esperienza di Amleto take away, spettacolo con cui Berardi ha vinto il Premio Ubu 2018, questa nuova produzione rinsalda il legame tra il Teatro dell’Elfo e questi artisti, capaci di mettersi in gioco a 360 gradi e di creare reti e collaborazioni tra teatri e istituzioni, ma soprattutto tra persone.

About Fabio Garau

Amante della musica italiana e del canto. La radio per me una passione che mi tiene compagnia tutti i giorni.

Controlla anche

Teatro d'Inverno

Teatro d’Inverno: venerdì 23 luglio 20.30 “Il vuoto dentro”

A Teatro il fascino dell’arte Drag per un (auto)ritratto d’artista con “Il vuoto dentro”  Il …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *