Janas
gramsci
Portrait of Italian politician Antonio Gramsci (1891-1937). (Photo by Stefano Bianchetti/Corbis via Getty Images)

La biblioteca dedicata a Gramsci ha una nuova sede

12 ore di e per Antonio Gramsci

 Il 129° anniversario della nascita di Antonio Gramsci.
Mercoledì 22 gennaio, in occasione del 129° anniversario della nascita di Antonio Gramsci, la Biblioteca Gramsciana, in collaborazione con il Comune di Villa Verde e la Nur, proporrà un’apertura ininterrotta di 12 ore, dalle 8 alle 20, dei suoi spazi e ambienti in via san Sebastiano 4 a Villa Verde. Si è voluta sposare una tendenza ormai consolidata e diffusa, nell’intento di garantire una fruizione ed un accesso ad un più vasto pubblico di una istituzione specialistica com’è la Biblioteca Gramsciana, i cui gestori hanno deciso di trasformare gli spazi e le pertinenze della Biblioteca in un autentico teatro di un’eventistica multidisciplinare.

Tra libri e arte

E infatti l’apertura della Biblioteca sarà confortata da una ampio e articolato programma di attività multitematiche. Dalle 8 alle 20 si potranno visitare: la mostra di Ilaria Marongiu Un recinto pieno di stelle nell’ex frantoio in via notaio Salis 10; mentre nella sede della Biblioteca in via san Sebastiano 4 saranno proposte: la mostra di opere dalla collezione della Biblioteca Gramsciana Ritratti di Gramsci sulle scale ; la mostra bibliografica sulle lettere di Antonio Gramsci, esposte nel desk della Biblioteca Gramsciana nella sala monografie; l’installazione di Federico Coni L’albero del riccio nel cortile della Biblioteca; la mostra di ceramiche Gramsci magnetico di Michele Marrocu negli spazi della Biblioteca. Dalle 16 alle 20 la performance artistica di Jacopo Cau nel loggiato della Biblioteca; alle 18.30 incontro con Stefano Giaccone. Per info: 3493946245.

Il pensiero di gramsci

La Biblioteca Gramsciana, riconosciuta dalla Regione Autonoma della Sardegna, è oggi nel panorama librario italiano è una tra le biblioteche più ricche e articolate dedicate ad Antonio Gramsci. La Biblioteca Gramsciana è una biblioteca multimediale di informazione specialistica che intende documentare il pensiero gramsciano attraverso libri, giornali, riviste, video, CD audio, CD ROM, DVD, risorse digitali online.

La struttura

E’ dotata di una infrastruttura a contenuto tecnologico che consente di offrire al pubblico un accesso facilitato ai servizi informativi. La Biblioteca Gramsciana assicura ai suoi utenti: consultazione on line dei materiali posseduti; prestito di documenti cartacei e multimediali; connessione a rete WiFi; utilizzo di postazione informatica multimediale; fornitura e distribuzione di documenti digitali; accesso ad altri servizi informativi non bibliotecari; occasione di relazioni interpersonali e partecipazione ad eventi culturali. Allo stato attuale possiede circa 7300 monografie, una sezione di seriali con collezioni complete dei periodici Rinascita, Critica Marxista, Marxismo Oggi, Studi storici, Cinema Nuovo. La Biblioteca è articolata in più sezioni, la prima Opere di Antonio Gramsci , la seconda Opere su Antonio Gramsci. La seconda sezione è a sua volta suddivisa in 30 sottosezioni.

Le sezioni

Vi sono inoltre altre quattro sezioni dedicate alla Logica, alla Microstoria, alla Sardegna e alla multimedialità . Inoltre sono presenti 4 fondi risultato di altrettante donazioni: il fondo Piras Fondo Giaccone, Fondo Conconi e Fondo Sanna. L’utenza prevalente della biblioteca Gramsciana è composta da tesisti, dottorandi, docenti universitari e in minore misura da un’utenza generalista. Il 27 aprile 2007 la Biblioteca è supportata, anche nella gestione e apertura al pubblico, dalla Biblioteca Gramsciana Onlus, che in questi ultimi anni ha svolto un’intensa attività culturale con la realizzazione di 370 eventi, tra mostre, convegni, presentazioni, laboratori didattici, performance artistiche, ecc.

La Biblioteca Gramsciana

La Biblioteca Gramsciana, la cui titolarità è della società di servizi culturali NUR s.a.s. di Ales, ha sede a Villa Verde in via S. Sebastiano , in locali di proprietà del Comune. L’attuale collocazione della Biblioteca Gramsciana, al primo piano del compendio immobiliare di via San Sebastiano 4 a Villa Verde, è l’ultima delle sua sedi. Quando con deliberazione della Nur la Biblioteca Gramsciana viene formalmente istituita il 10 novembre 1997, è collocata presso la sede legale della società di servizi culturali, ad Ales in via Amsicora 27.

A seguito di richiesta della Nur, con deliberazione della Giunta Municipale n. 105 dell’11 giugno 1998, il Comune di Ales concede una stanza al primo piano della casa natale di Antonio Gramsci in via Umberto I. Il servizio viene regolato da specifica convenzione, con scadenza annuale al 6 giugno 1998. Il trasferimento della Biblioteca Gramsciana dalla casa natale di Antonio Gramsci alla sede legale della NUR viene ultimato il 23 luglio 1999. Il 29 gennaio 2004 la Nur raggiunge un accordo con il Comune di Gonnosnò, che concede una stanza al primo piano della Biblioteca Comunale, in via Turati 30.

La nuova sede fino al 2023

La Biblioteca Gramsciana opererà a Gonnosnò sino all’estate del 2009. Quindi la Biblioteca Gramsciana torna ad Ales sino al giugno del 2015, in una sede di alto pregio strutturale e ambientale. Quando viene ospitata dal Comune di Villa Verde in un ampio spazio al piano terra del compendio di via San Sebastiano 4. Infine il 23 aprile 2019 viene formalizzato un contratto di comodato d’uso gratuito tra la Nur e il Comune di Villa Verde. Che essendo esteso sino al 2023, che prevede il permesso per la collocazione della Biblioteca Gramsciana di due sale al primo piano dello stesso edificio. La Biblioteca Gramsciana ha appositamente studiato un orario di apertura al pubblico di 20 ore per venire incontro alle esigenze diversificate dell’utenza. Lunedì: 8.30-12.30/15 -19 Mercoledì: 8.30-12.30/15-19 Giovedì:15 – 19.

radio unica

About Elia Murgia

Elia Murgia
studente di beni culturali e spettacolo al terzo anno abita a Escalaplano, appassionato di cinema

Controlla anche

Wikipedia

Wikipedia: compie 20 anni la biblioteca universale

Wikipedia: creatività, cooperazione e condivisione. L’enciclopedia libera e gratuita nata il 15 gennaio del 2001 …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *