Alexa Unica Radio
COVER

Un recinto pieno di stelle, mostra personale di Ilaria Marongiu

Un recinto pieno di stelle è la mostra personale di Ilaria Marongiu, che inaugurerà domenica 24 novembre alle h. 18,00 presso l’ex Frantoio Via Notaro Salis, 10 a Villa Verde la Biblioteca Gramsciana.

La mostra

Un recinto pieno di stelle, ma perché recinto? Luogo delimitato, raccolto. Luogo di riflessione. Recinto separato nell’accezione di “temenos” dove il sacro è ciò che viene inserito/immesso al suo interno. Ciò che viene “isolato” dal resto delle cose diviene sacro, acquisisce un’aura poiché si distingue dal caos e può essere meglio compreso. Questo recinto va pensato anche come metafora più ampia di luogo espositivo, modificando l’assetto del rapporto tra fruitore e opera d’arte (sempre metaforicamente parlando) il recinto diviene luogo in cui le opere (le stelle) guardano e avvolgono l’osservatore. L’azione del guardare diviene reciproca, relazionale, auto-scopritiva.

“Le stelle” ci conducono alla ricerca del nostro Temenos come spazio vitale reale e relazionale. Nei recinti ogni essere animato costruisce la sua storia. Tutte le storie personali sono accomunate da schemi preordinati, perciò ciascun recinto viene connotato da chi lo abita. I temenos sono spazi neutri, puliti che hanno il potere di riflettere esclusivamente i grandi schemi quelli del temenos che comprende tutti i temenos… qua la riflessione si apre alla sovra dimensione del tutto in rapporto al singolo. E’ ovvio il riferimento alla dimensione frattalica insita nella natura dell’universo. Il cosmo si riflette nel singolo come a dire l’oceano si riflette nella singola goccia d’acqua.
Questa immagine per me spinge la lettura fisica a una più psicologica dove si pongono le basi per un nuovo inizio, accettare la propria storia significa avere il “coraggio del vuoto”.

Riconoscere gli schemi preordinati , dati da altro da noi è prassi fondamentale per fare spazio, per creare il vuoto, appunto. Quando le derivazioni degli schemi originari si rompono allora apparirà solo ciò che veramente può far nascere il temenos personale, quello da cui partire per leggere la nostra vera storia.


All’interno della mostra i piccoli animali scelti perché “incontrati”* ci guideranno alla scoperta del nostro temenos, sono loro i nostri referenti. Anch’essi caratterizzati dai loro Temenos naturali, maestri zen del necessario che esclude il superfluo.
La tecnica utilizzata per la realizzazione dei lavori nasce da una sperimentazione, è il risultato esperinziale di un progetto denominato: Pappai Pai, nel quale le materie fondamentali sono il pane e la terra.
L’impasto ottenuto diventa pigmento, si presta come indurente per supporti morbidi e può essere utilizzato come pasta scultorea. Inoltre crea risultati diversi se cotto o lasciato asciugare.

Ilaria Marongiu

Frequenta l’Accademia di Belle Arti di Brera laureandosi in pittura e successivamente specializzandosi in Didattica dell’Arte. Attualmente insegna Disegno e Storia dell’Arte presso i Licei . Al percorso artistico degli anni accademici milanesi ne consegue un arricchimento nelle forme del linguaggio artistico che va delineandosi grazie ai contesti laboratoriali, gli approfondimenti documentaristici, espositivi e seminarili da lei stessa ideati. Le tematiche in continuo sviluppo partono dall’analisi fenomenologica degli archetipi formali come principi di nascita della coscienza.

La mostra sarà visitabile dal 24 novembre 2019 al 26 gennaio 2020. 

Maggiori info disponibile al seguente link – clicca qui

About Chiara Porru

Nata a Cagliari, dopo aver lavorato per 4 anni nel mondo della comunicazione e innovazione torna all'Università per completare il suo percorso di studi in Lingue e comunicazione e riscoprire le sue passioni per la scrittura, la musica e la fotografia.

Controlla anche

pottery g698b32e5e 1920

Sant’Efisio: la sfilata in una mostra dei ceramisti Pulli

Get Widget Sant’Efisio: per cinque giorni 150 pezzi in esposizione a Palazzo Doglio La “Sfilata …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.