Janas
rosi giua

Rosi Giua ci racconta la mostra Cosmomed

Unica Radio Podcast
Rosi Giua ci racconta la mostra Cosmomed
/

La mostra al Lazzaretto in CosmoMed è curata da Efisio Carbone con gli allestimenti di Rosi Giua

È un ambito espositivo multimediale presso la sala Archi del Lazzaretto, con allestimento di percorsi multimediali (video, fotografia, sonoro, istallazioni) a cura di Rosi Giua ed Efisio Carbone, che rilegge e reinterpreta gli esiti di più di una decina di progetti, coinvolgendo oltre una cinquantina di autori (con l’apporto di quaranta bambini-autori e il contributi artistici di Monica Lugas, Lea Gramsdorff e Simone Dulcis e, disposti in altra sala, di Casa Falconieri e dell’Accademia d’Arte di Cagliari).

Cosmopolitismo: la consapevolezza di essere cittadini del mondo. Questa parola è molto antica. Inventata dai filosofi greci, rimanda alla concezione del Mondo e a chi lo abita: il cosmo (koquoc, l’universo ordinato) e il cittadino (nolitns). Di un Mondo inteso come una grande Polis che abbraccia il pianeta tutto. Nel corso di 2500 anni, attraversando la storia e i luoghi di questo mondo, il significato del cosmopolitismo è mutato. Si è trasformato e continua a farlo, assumendo varie accezioni. Ma la parola è ancora qui oggi in mezzo a noi, ad animare il dibattito della ricerca universitaria, il dibattito della sfera politica e di quella civile. Però, il cosmopolitismo è anche prassi sociale. Pratica individuale, cosciente o inconsapevole, e prassi collettiva.

E’ una pratica ordinaria del quotidiano e del territorio, una pratica operatoria, esplicita, situata o conflittuale che sia. E ciò vale tanto nel passato, che nel Mondo globalizzato e digitale della nostra contemporaneità transnazionale, purtroppo non esente da derive di disumanizzazione. Quali sono le capacità delle società a integrare e mobilitare le “pluralità di appartenenze”?, si chiede il filosofo Pascal Bruckner (Le vertige de Babel, 2000).

Nella vita non contano i passi che fai, né le scarpe che usi, ma le impronte che lasci.

La nostra lettura del cosmopolitismo – quella di Cosmomed – scevra dal ritenersi elogio acritico di una società armonica, priva di tensioni o di conflitti fra gruppi, comunità o minoranze nello spazio della Terra, va colta come un’indagine e un’interrogazione sulle possibilità pragmatiche che hanno le società di costruire forme di convivenza ed inclusione nella complessità identitaria del mondo, che è fatto di diversità culturale, religiosa, etnica e linguistica. Ad essere indagate sono qui le geografie del Mediterraneo. Quel “mare di mezzo” che bagna le nostre terre, fatto di approdi, di scali e di transiti e d’incontri; ma anche di esodi, di frontiere invisibili e liquide, di scontri e di naufragi.

Quel Mediterraneo di cui il cosmopolitismo è l’essenza e l’anima: un valore che si è generato passando attraverso quel cosmopolitismo pre-moderno dell’imperialità romana o ottomana, per quello asimmetrico ed egemonico delle società coloniali dell’800, per poi risorgere ancora oggi, a dispetto delle chiusure identitarie cristallizzate nelle indipendenze nazionali del Mediterraneo della seconda metà del ‘900 e delle derive dei nuovi nazionalismi contemporanei detti post-identitari e anti-comunitari.

Abc Musica La musica come non l'avete mai sentita!

About Redazione

Redazione
Nata l'8 ottobre 2007 da un progetto di tre studenti universitari. Unica Radio vuole raccontare il territorio, la cultura e le attività dell'hinterland attraverso la voce dei protagonisti. Unica Radio racconta la città che cambia

Controlla anche

costanza ferrini

Cosmomed – “Suture Mediterranee” di Costanza Ferrini

L’artista Costanza Ferrini ha presentato ai nostri microfoni la performance in programma domenica 27 ottobre …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *