Unica Radio Skill Alexa
intervista parodi

Intervista a Marzouk Mejri: «Il Premio Parodi è una famiglia!»

Intervista a Marzouk Mejri: «Il Premio Parodi è una famiglia!», Unica Radio
Unica Radio Podcast
Intervista a Marzouk Mejri: «Il Premio Parodi è una famiglia!»
Intervista a Marzouk Mejri: «Il Premio Parodi è una famiglia!», Unica Radio
/

Marzouk Mejri dei Fanfara Station si racconta ai microfoni di Unica Radio in occasione del Premio Parodi 2019

Il gruppo “Fanfara Station” di cui Marzouk Mejri è uno dei rappresentanti, è stato tra i finalisti della XII edizione del Premio Andrea Parodi – svoltosi a Cagliari presso l’Auditorium del Conservatorio di musica Pierluigi da Palestrina dal 10 al 12 ottobre -. Noi di Unica Radio lo abbiamo intervistato in occasione della seconda giornata di festival.

Marzouk Mejri, ai nostri microfoni, è solo uno dei tre membri del gruppo: cantante, autore dei testi e polistrumentista, racconta come è nata la collaborazione con gli altri componenti della band. Tre musicisti provenienti da Tunisia, Italia, U.S.A. e due loop station utilizzate per sovraincidere le tracce e manipolare i suoni acustici ed elettronici. Sono infatti tantissimi gli strumenti che si uniscono alla voce di Marzouk: le percussioni scascika, tar, bendir, darbuka e tabla si intrecciano con la tromba, il trombone e il clarinetto e i tre fiati tunisini: nay, mizued e ocra.

Intervista a Marzouk Mejri: «Il Premio Parodi è una famiglia!», Unica Radio

«La world music è musica del mondo, senza frontiere, senza limiti. È un dialogo, è un parlare. Con la musica ci si capisce anche se ognuno porta il suo linguaggio», ci racconta Marzouk. Per i Fanfara Station quella del Premio Parodi è una bella novità, «è una famiglia!», dice Marzouk.

In gara con “Rahil” che affianca al cantato tunisino una base di darabouka, fiati ed elettronica, sovrapposti a un loop dal vivo. Un brano molto apprezzato che gli varrà la vittoria del Premio Parodi 2019 nonché la menzione “miglior arrangiamento” e porteranno a casa anche il Premio della Critica.

ASCOLTA L’INTERVISTA

About Giulia Sanna

Giulia Sanna
Nasce a Cagliari nell'ottobre del 1990. Consegue la maturità scientifica e si laurea in giurisprudenza. Da giurista pentita decide di cambiare le sue sorti e tenta di avvicinarsi al mondo della comunicazione, che da sempre la affascina e la appassiona. Le esperienze all'estero, a Parigi prima e a Londra poi, la aiutano a capire che la vita è veramente troppo breve per sprecarla a fare qualcosa che non dà stimoli e anzi demolisce la nostra curiosità e il nostro amore per la stessa. Un breve workshop di giornalismo a Roma, indetto da The Post Internazionale con la partecipazione di Limes, suggella per sempre questa sua convinzione e la condanna al precariato eterno. Amante della satira oltre ogni misura e della comicità dissacrante. Viaggia, legge, scrive, corre, mangia e ride. Mai contemporaneamente. Crede nel potere della musica terapeutica.

Controlla anche

alberto pibiri

Musica nell’improvvisazione, improvvisazione nella musica

Musica e improvvisazione: giovedì 18 giugno se ne parla a Caleidoscopi musicali. Tra gli ospiti: …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *