Alexa Unica Radio
premio parodi

Intervista a “Setak”: «Il Premio Parodi? È un grande onore»

Unica Radio Podcast
Unica Radio Podcast
Intervista a "Setak": «Il Premio Parodi? È un grande onore»
/

Setak alias Nicola Pomponi, in gara al Premio Parodi 2019, si racconta ai microfoni di Unica Radio

Setak, pseudonimo di Nicola Pomponi, – «la scelta del nome deriva da un soprannome di famiglia; nei Paesi, soprattutto da noi, si usa dare dei soprannomi alle famiglie e siccome il mio trisavolo faceva il setacciaro, cioè costruiva il setaccio, lo strumento che veniva utilizzato per filtrare la farina, il soprannome è dato da quello, “lu setacciar”», ci racconta – è un chitarrista e cantautore di origini abruzzesi. Entrato a far parte dei dieci finalisti del Premio Andrea Parodi 2019, ha partecipato a questa XII edizione di festival – svoltosi all’Auditorium del Conservatorio di Cagliari Pierluigi da Palestrina dal 10 al 12 ottobre – portando “Marije” e reinterpretando il brano di Andrea Parodi “Pandela“.

Musicista eclettico, Setak è cresciuto a “pane e musica”: inizia a suonare la chitarra dall’età di sei anni sotto la guida del maestro Vincenzo Tartaglia. Nel 2004 si ritaglia uno spazio nella scena musicale romana. Entra quindi a far parte dei “Greenwich”, vincitori di Musicultura nel 2008; nello stesso anno, dopo aver vinto anche un contest a Milano, apriranno alcune date del tour di Luciano Ligabue.

Prima volta al Premio Parodi, per Setak, che ci confessa: « è un vero onore per me essere qui a condividere questo importante evento di stampo internazionale con tanti grandi artisti».

Setak è un artista solido, forse l’unico cantautore in senso stretto e soprattutto nell’accezione più classica del termine, in gara al Parodi, che canta in abruzzese e che regala una versione di Pandela particolarmente gradita, tanto da valergli la menzione “miglior cover di Andrea Parodi”.

ASCOLTA L’INTERVISTA

Abc Musica La musica come non l'avete mai sentita!

About Giulia Sanna

Nasce a Cagliari nell'ottobre del 1990. Consegue la maturità scientifica e si laurea in giurisprudenza. Da giurista pentita decide di cambiare le sue sorti e tenta di avvicinarsi al mondo della comunicazione, che da sempre la affascina e la appassiona. Le esperienze all'estero, a Parigi prima e a Londra poi, la aiutano a capire che la vita è veramente troppo breve per sprecarla a fare qualcosa che non dà stimoli e anzi demolisce la nostra curiosità e il nostro amore per la stessa. Un breve workshop di giornalismo a Roma, indetto da The Post Internazionale con la partecipazione di Limes, suggella per sempre questa sua convinzione e la condanna al precariato eterno. Amante della satira oltre ogni misura e della comicità dissacrante. Viaggia, legge, scrive, corre, mangia e ride. Mai contemporaneamente. Crede nel potere della musica terapeutica.

Controlla anche

diarra sysal

Saly Diarra: «cantare Andrea Parodi? Emozionante!»

Saly Diarra – in gara al Premio Parodi 2019 – si racconta ai microfoni di …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *