Alexa Unica Radio
rassegna cine

Prende il via la rassegna cinematografica “A casa loro”

In programma da martedì 24 settembre a LaboratorioVentotto “A casa loro. Percorso cinematografico nei colonialismi del passato e del presente”

Prende avvio martedì 24 settembre alle 20.30 in Via Montesanto 28 a Cagliari, con la proiezione del film Venere nera di Abdellatif Kechiche (Francia, Italia, Belgio 2010 166 minuti), la rassegna cinematografica organizzata dal Circolo del Cinema FICC LaboratorioVentotto “A CASA LORO. Percorso cinematografico nei colonialismi del passato e del presente”, che si svolgerà tra settembre e dicembre 2019.

Il film racconta la storia tragica di una donna – Sarah Baartman, Saartjie per i suoi padroni afrikaans – esposta all’inizio dell’Ottocento nei circhi e nei salotti europei come “la venere ottentotta”, e successivamente oggetto di studi scientifici che miravano a dimostrare le somiglianze anatomiche fra gli ottentotti e le scimmie.

Il percorso della rassegna

Il percorso proposto mira ad approfondire aspetti diversi di ciò che storicamente viene definito “colonialismo: lo “sguardo coloniale” si costruisce in un rapporto di dominazione materiale sull’altro, al servizio della quale agisce una costante  rimodulazione del mondo “a propria immagine” che giustifica culturalmente il progetto di conquista ed istituisce una barriera irriducibile tra chi guarda e chi è guardato, tra chi agisce come soggetto storico e chi “è agito” come oggetto espositivo prima, poi suddito, infine bisognoso e necessitante dei cosiddetti aiuti. È lungo questa trama di relazioni, che riguarda interessi economici e politici tanto quanto l’immaginario, che si dipana il filo della rassegna, lungo la quale ci proponiamo di approfondire tre momenti in particolare: il colonialismo italiano, il postcolonialismo, il neocapitalismo estrattivista. Parallelamente proveremo a innestare una riflessione critica e aperta con chi parteciperà (come ospiti e come pubblico) sullo “sguardo” ovvero un percorso critico e di decostruzione di quell’altra forma di dominio che è stata e continua ad essere la rappresentazione dell’altro a nostro uso e consumo.

Il programma

La rassegna proseguirà ad ottobre con la proiezione di quattro film che raccontano l’Africa postcoloniale: La noire de… di Ousmane Sèmbene (Senegal 1966), Hyènes di D. Diop Mambety (Senegal 1992), Bamako di A. Sissako (Mali 2007) e Teza di Haile Gerima, Etiopia 2008). Sarà inoltre ospite Leonardo De Franceschi, autore de “Lo schermo e lo spettro. Sguardi postcoloniali su Africa e afrodiscendenti”.

Seguirà, a novembre, un approfondimento sul colonialismo italiano, con le proiezioni dei documentari Asmarina di A Maglio e M. Paolos (2015), If only I were that warrior di V. Ciriaci (2015) e Pagine nascoste di S. Varani (2017) e gli incontri pubblici con gli storici Valeria Deplano, Alessandro Pes e Gianmarco Mancosu.

Il mese di dicembre sarà incentrato sul tema dell’estrattivismo, con la proiezione, tra gli altri, dei film sul landgrabbing Promised land di Gus Van Sant (USA 2013), Terra persa: storie di landgrabbing in Sardegna di M. Mellara e A. Rossi (Italia 2015) e Standing army di T. Fazi e E. Parenti sulle basi Nato nel mondo. Si terrà inoltre un incontro di approfondimento sul tema con il collettivo Re:Common.

All’interno della rassegna, in collaborazione con l’associazione Liberos, sono previste le presentazione dei libri di Elvira Mujcic Consigli per essere un bravo immigrato, di Carlo Greppi Bruciare la frontiera e l’antologia di scrittrici afrodiscendenti Future. Il domani narrato dalle voci di oggi, a cura di Igiaba Scego.

Come partecipare

L’ingresso a tutte le iniziative è libero con tessera annuale 2019 del Circolo del Cinema FICC Laboratorio Ventotto. La tessera ha un costo di 5€, ridotti a 2,50€ per studenti e studentesse, precari/e, disoccupati/e, giovani sotto i 30 anni.

Ad ogni proiezione seguirà la discussione.

Per info visitare il sito www.laboratorio28.it.

About Simone Cadoni

Classe 1993. Giornalista pubblicista, ha conseguito la laurea in Lingue e Comunicazione e un master in Giornalismo. Dai tempi dell'università collabora con Unica Radio, per cui si occupa della produzione di articoli e interviste.

Controlla anche

“Terre di confine”: alla Cineteca Sarda la prima tappa

Get Widget Filmfestival alla Cineteca Sarda per la prima tappa del “Terre di confine” Ospite …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.