Alexa Unica Radio
fabio marceddu

Lo spettacolo A-mare/Marea fa il bis della scena al Teatro del Segno

È andato in scena per la seconda volta, sabato 27 aprile al TdS di Is Mirrionis, A-mare/Marea per una produzione firmata “Teatro dallarmadio”

Dopo il debutto a Villa Pollini, in via Jenner a Cagliari, A-mare/Marea torna sul palco, stavolta, del Teatro del Segno. Con una nuova produzione – meglio collaudata – del Teatro dallarmadio, con drammaturgia di Fabio Marceddu, incipit e finale di Milena Agus, colonna sonora di Antonello Murgia – in scena insieme a Cristiana Cocco e allo stesso Fabio Marceddu -, con la voce fuori campo di Tiziana Pani e il contributo musicale di Alberto Pibiri che scandisce i tempi del prologo e dell’epilogo con le sue melodie jazz, “A-mare/marea” ritorna a far parlare di sé.

Milena Agus ci introduce, accomodante, in un mondo che verrà raccontato da Fabio Marceddu: un eden popolare in cui figure più o meno indistinte lottano contro le intemperie della vita. In una Cagliari così lontana eppure così vicina, interscambiabile con una qualsiasi altra città che si affaccia sul mare, storie di vite disgraziate vengono narrate e inserite in un microcosmo della periferia urbana, dando voce ai loro sogni, disincanti, illusioni e desideri, gioie e dolori, nel tentativo disperato di restare a galla nel mare della miseria che inaspettatamente, per qualcuno, diventa perfino opportunità.

In un immaginario scenico che si affaccia sul passato, Fabio Marceddu lavora nell’interpretare l’(anti) eroe moderno, di pasoliniana memoria, che ripetutamente si ribella a un destino già scritto, ma i cui scarsi risultati lo portano ad abbandonarsi a una pacata rassegnazione. Tutti i miti della Cagliari cittadina e periferica vengono sdoganati in uno spettacolo che è, insieme, lucido, folle, commovente, dissacrante, popolano e sublime.

In una periferia “a sud di nessun nord” il mare riporta alla genesi dell’esistenza; la marea è il grembo materno che mette al mondo e che dolcemente o burrascosamente dapprima accompagna e poi fa naufragare. Le contraddizioni, figlie del tempo, vengono prosaicamente interpretate, sempre a metà tra la tragicità degli eventi e il modo scanzonato di raccontarli, a sottolineare come tragedia e commedia siano figlie della stessa madre.

Il riscatto sociale, anelante e irraggiungibile, riporta alla materialità del fallimento che odora di presente, di unica realtà possibile, da cui pare appunto impossibile affrancarsi. La corsa degli ultimi nella maratona ideale della vita è più faticosa, è disillusa, claudicante davanti alle sempre uguali strutture sociali che contribuiscono a inabissare l’uomo.

La canzone “Esodo”, scritta in latino, frutto di una miscellanea di testi classici, che accompagna la pièce e che racconta i naufragi del mediterraneo di più di 2000 anni fa, richiama l’attenzione sulle vicende contemporanee, sulle disavventure dei popoli in fuga, esempio di una teoria dell’eterno ritorno che rende la storia più attuale che mai.

Su queste note si conclude “A-mare/Marea” che, tra sogno e verghiana realtà, irretisce lo spettatore, il quale affascinato, divertito, commosso, turbato e saziato non può fare altro che raccogliere le terga dolenti davanti a cotanta icastica umanità.

About Giulia Sanna

Nasce a Cagliari nell'ottobre del 1990. Consegue la maturità scientifica e si laurea in giurisprudenza. Da giurista pentita decide di cambiare le sue sorti e tenta di avvicinarsi al mondo della comunicazione, che da sempre la affascina e la appassiona. Le esperienze all'estero, a Parigi prima e a Londra poi, la aiutano a capire che la vita è veramente troppo breve per sprecarla a fare qualcosa che non dà stimoli e anzi demolisce la nostra curiosità e il nostro amore per la stessa. Un breve workshop di giornalismo a Roma, indetto da The Post Internazionale con la partecipazione di Limes, suggella per sempre questa sua convinzione e la condanna al precariato eterno. Amante della satira oltre ogni misura e della comicità dissacrante. Viaggia, legge, scrive, corre, mangia e ride. Mai contemporaneamente. Crede nel potere della musica terapeutica.

Controlla anche

Teatro del Segno: “Sconfiggere i Ladri di Speranze”

Teatro del Segno: “Sconfiggere i Ladri di Speranze”

“La nonna che mangiò il lupo” in programma al Teatro Massimo di Cagliari “Sconfiggere i …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.