Alexa Unica Radio
auto elettrica

Adiconsum chiede al Governo di fare sul serio

Il pressing di Adiconsum sul Governo, trasporto pubblico e auto blu ancora inquinanti

Adiconsum – Con la nuova Legge di Bilancio 2019 pensavamo tutti che, finalmente, per lo sviluppo della mobilità sostenibile si facesse sul serio e che i problemi legati all’inquinamento e alle modificazioni del clima cominciassero a trovare soluzioni anche in Italia – dichiara Pierpaola Pietrantozzi,

Scopriamo invece con delusione, che, come sempre, tranne i proclami, nulla accade – prosegue Pietrantozzi – La grave situazione ambientale del pianeta non permette più di scherzare su queste tematiche e Adiconsum chiede al Governo di essere concreto.

Sono passati 3 mesi e nonostante le norme siano state scritte nella Legge di Bilancio, tutto è fermo – precisa Mauro Vergari, Responsabile Ufficio Studi, Ricerche e Innovazioni di Adiconsum – Gli incentivi per l’auto elettrica stanno diventando una barzelletta che offende i consumatori.

I bonus, infatti, non sono ancora operativi a causa della mancata pubblicazione in GU dei decreti attuativi. I vari Ministri interessati si rimpallano le responsabilità, ma il risultato è che chi decide di acquistare veicoli a bassissima emissione di CO2 non può farlo perché i legiferati incentivi non si applicano.

Oltre agli incentivi – continua Vergari – mancano anche le azioni utili allo sviluppo della mobilità elettrica, come la regolazione del costo dell’energia per la ricarica pubblica e privata, tanto che chi carica la propria auto in un box (pertinenza legata alla casa) non servito dalla stesso contatore della propria abitazione, paga l’energia con la tariffa più cara del mercato, perché ritenuta tariffa “altri usi”, e anche chi ricarica dalle colonnine elettriche paga ormai €0,50 al kWh.

Da evidenziare anche le scelte poco sostenibili intraprese dalla Pubblica Amministrazione, acquistando 8.280 nuove auto blu e grigie, con motori termici e carburanti fossili. 

Per un corretto sviluppo di una mobilità sostenibile – conclude Pietrantozzi -è invece indispensabile agire, oltre che sul costo delle auto anche su quello dell’energia elettrica.

Senza una corretta ed adeguata tariffa energetica per la mobilità, i veicoli elettrici, anche se incentivati, non saranno mai per tutti i consumatori e continueranno ad essere una nicchia, non risolvendo i gravi problemi delle emissioni inquinanti.

Stessa cosa per gli acquisti della Pubblica Amministrazione: se le abitudini di mobilità protese alla sostenibilità non cambiano a partire dalle autorità amministrative diventa difficile credere che le norme e le politiche proposte siano realmente efficaci e soprattutto diventa complicato far cambiare le abitudini di mobilità ai singoli cittadini.

About Marco Meli

Un giovane imprenditore laureato in economia e management. Appassionato di sport (work out) ed arte contemporanea. Per via della mia scelta lavorativa passo gran parte del tempo nel locale che da poco ho aperto in centro a Cagliari, frutto di tanto impegno e grande passione per il mestiere. Nel frattempo sono riuscito ad ottenere l'attestato di Sommelier per soddisfazione strettamente personale. Avendo un socio in azienda in sede distaccata, approfitto periodicamente per viaggiare nel nord Italia, precisamente a Como dove abbiamo un attività di abbigliamento in condivisione.

Controlla anche

emissioni

Ultima giornata del G7, focus sul clima: bisogna agire in fretta

La terza giornata i leader si concentrano sul tema dell’ambiente e dei cambiamenti climatici: impegni …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *