Alexa Unica Radio
battiston novecento

“Winston vs Churchill”: Battiston è lo statista inglese, mito del Novecento

Al teatro Massimo di Cagliari va in scena lo spettacolo “Winston vs Churchill” con Giuseppe Battiston e Maria Roveran, per la regia di Paola Rota

Da mercoledì 20 marzo fino a lunedì 25, al teatro Massimo di Cagliari, andrà in scena lo spettacolo “Winston vs Churchill” per la stagione de La Grande Prosa & Teatro Circo organizzata da CeDAC nell’ambito del Circuito Multidisciplinare dello Spettacolo in Sardegna.

Paola Rota dirige Giuseppe Battiston e Maria Roveran nella pièce “Winston vs Churchill”, adattamento teatrale di “Churchill, il vizio della democrazia” libro di Carlo G. Gabardini che per primo ha tracciato il profilo dello statista inglese tra lucide analisi politiche e debolezze umane.

L’opera propone un focus su una delle figure più emblematiche della storia del Novecento, capace di influire tanto sul destino della Gran Bretagna, quanto sull’intero assetto europeo. Churchill fu primo ministro inglese dal 1940 al 1945 e successivamente dal 1951 al 1955; membro del Parlamento dal 1900 al 1922 e dal 1924 al 1964 e per quindici anni leader del partito conservatore; tra le voci più critiche rispetto alla Germania hitleriana.

Giuseppe Battiston presta corpo e voce all’uomo politico ormai profondamente segnato dagli eventi storici e personali, che lo costringono alla poltrona del salotto di casa – di cui il palco restituisce un timido accenno, senza eccessivi fronzoli o lussi – dove risulta impossibile non fare i conti coi demoni del passato: tra rievocazioni storiche, scelte temerarie e gloriose nonché sconfitte personali.

Dal soggiorno della dimora in cui risiede, malaticcio, accudito da una giovane e idealista infermiera interpretata da Maria Roveran, il Churchill-Battiston inganna il trascorrere del tempo ripercorrendo la sua vita tra irriverenti flashback di conversazioni telefoniche avute anni prima e da cui si sono decise le sorti del mondo, lungimiranti indagini politiche, interrogativi sull’uomo, sul Churchill-marito e soprattutto padre, il tutto annacquato da fiumi di whisky tracannato, senza risparmiarsi, tra uno sbraito e l’altro, un colpo di tosse, una boccata di sigaro e un abbiocco, costantemente in bilico tra momenti di lucidità da un lato e la dimensione onirica, dall’altro.

Attimi di lucida follia contribuiscono a rendere il lavoro sul personaggio credibile e ironico, fedele all’originale, con i suoi vizi, le sue frustrazioni e contraddizioni, il suo sense of humor, la sua irascibilità, gli ideali apparentemente perduti, i suoi antichi discorsi sull’Europa che è lì da venire, regalando al pubblico l’immagine dell’icona che è diventato, nel suo essere antesignano rispetto all’ordine futuro.

È un Churchill contemporaneo quello che domina la scena, spregiudicatamente ironico, capace di scuotere le coscienze a suon di stigmatizzazioni e di rivolgersi direttamente all’umanità che abita il nostro tempo.

About Giulia Sanna

Nasce a Cagliari nell'ottobre del 1990. Consegue la maturità scientifica e si laurea in giurisprudenza. Da giurista pentita decide di cambiare le sue sorti e tenta di avvicinarsi al mondo della comunicazione, che da sempre la affascina e la appassiona. Le esperienze all'estero, a Parigi prima e a Londra poi, la aiutano a capire che la vita è veramente troppo breve per sprecarla a fare qualcosa che non dà stimoli e anzi demolisce la nostra curiosità e il nostro amore per la stessa. Un breve workshop di giornalismo a Roma, indetto da The Post Internazionale con la partecipazione di Limes, suggella per sempre questa sua convinzione e la condanna al precariato eterno. Amante della satira oltre ogni misura e della comicità dissacrante. Viaggia, legge, scrive, corre, mangia e ride. Mai contemporaneamente. Crede nel potere della musica terapeutica.

Controlla anche

Boomerang 4

CeDAC, “Boomerang” di RBR Dance Company

Get Widget Si alza il sipario sulla Stagione di Danza 2021-2022 organizzata dal CeDAC / …

2 commenti

  1. Carlo Antonio Angioni

    Una curiosità, Giulia Sanna lo ha visto lo spettacolo?
    Buona giornata.
    Carlo Antonio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.