Alexa Unica Radio
fiera a mogoro

“Futura Città” al Teatro della Fiera di Mogoro

Sabato, 2 Marzo alle 19.00 al Teatro della Fiera a Mogoro (Piazza Martiri della Libertà) è di scena: Futura Città.

L’evento è dedicato alla Città Futura, in occasione del centenario della pubblicazione, numero unico a cura di Antonio Gramsci per educare e formare i giovani. Nell’occasione Stefano Giaccone in collaborazione con Giuseppe Manias in “Futura Città” racconterà con letture e canzoni legate alla memoria, alle lotte, alla vita sociale la città dove visse Antonio Gramsci. I testi originali Gramsciani si muovono dentro uno scenario estremamente dinamico di Musiche eseguite dal vivo (voce+chitarra), letture, brevi commenti Sociologici e Storici. Con un piccolo ausilio di contributi audio trasmessi dal nostro PC. Un continuo confronto/scontro con il Dopoguerra degli anni 50 e 60, l’attualità contemporanea e la proiezione futura, focalizzando sul tema de la “Città”. La città quale luogo/motore della prima rivoluzione industriale e luogo/liquido all’alba della rivoluzione informatica. Un viaggio di circa un’ora nella sua cultura e contro-cultura.

STEFANO GIACCONE (Los Angeles, 1959) è un musicista e cantautore italiano. Nato negli Stati Uniti si trasferisce nel 1966 a Torino. Dopo qualche esperienza minore fonda nel 1982 i Franti, gruppo seminale per la scena rock indipendente con suoni classificabili tra il folk e il jazz.[1]. Il gruppo si scioglie nel 1987, si susseguono e si affiancano nuovi progetti musicali di cui fa parte con ex membri dei Franti: Environs, Orsi Lucille, gli Howth Castle, La Banda di Tirofisso. Collabora tra il 1990 e il 1993 con il gruppo punk Kina. Assieme al pianista Claudio Villiot pubblica un disco Corpi sparsi. Nel 1996 collabora con il gruppo O Zoo No per lo spettacolo Han Shan dedicato a Jack Kerouac, l’anno seguente per Teatridithalia compone le musiche e va in scena al Teatro dell’Elfo di Milano con lo spettacolo Addio papà respiro di Ferdinando Bruni dedicato ad Allen Ginsberg. Pubblica nel 1997 il primo album solista Le stesse cose ritornano con lo pseudonimo di Tony Buddenbrook. Dopo 2 EP nel 2003 ritorna con Tutto quello che vediamo è qualcos’altro, album di viaggi e ricerca interiore. Assieme a Mario Congiu pubblica nel 2004 Una canzone senza finale disco che propone un viaggio nel mondo dei cantautori italiani di ieri e di oggi. Partecipa al Mantova Musica Festival. Tras os Montes del 2006 legato alla tradizione dei folksinger americani (Phil Ochs) con arrangiamenti jazz riceve ottime recensioni registrato tra il Galles e l’Italia assieme a Dylan Fowler. Nel 2007 ispirandosi alla canzone d’autore e al melodramma pubblica l’album Come un fiore. Il disco è un concept album sulla morte. Nel 2009 con il commediografo inglese Peter Brett pubblica il disco sperimentale Viper Songs dove le musiche e parole si alternano. L’anno successivo nuovo disco da solista registrato in presa lo-fi Il giardino dell’ossigeno.Il 22 marzo 2014 esce il nuovo cd Aria di festa (Lizard Records), con la produzione artistica di Gianluca della Torca (Gatto ciliegia contro il grande freddo).Il suo testo La storia di Lucia, liberamente tratto da “Storia delle storie di Lucia Sarzi” di Laura Artioli, Corsiero Editore 2014 è risultato il vincitore del Bando Teatro Documento 2014, promosso da Fondazione Teatro Due e Istituto Alcide Cervi, nato per promuovere nuove scritture teatrali con particolare riferimento ai temi legati alla Resistenza e alla vicenda della famiglia Cervi. La prima dello spettacolo (con Stefano Giaccone e Lalli, musica e video Stefano Giaccone, foto originali Andrea Pucci) è in programma a Teatro Due di Parma, in occasione delle celebrazioni del 25 aprile 2015.

GIUSEPPE MANIAS nasce ad Oristano nel 1969. Col fratello Luigi gestisce la Biblioteca Gramsciana. Nel 2007 ha curato per i Quaderni Tresso nel n. 60 la bibliografia all’unico discorso parlamentare di Antonio Gramsci e nel n. 63 della stessa rivista ha pubblicato, con un’introduzione di Aldo Borghesi, due suoi saggi dal titolo “Antonio Gramsci e il movimento anarchico nel periodo de L’ordine Nuovo” e “Camillo Berneri tra Antonio Gramsci e Carlo Rosselli”. E’ spesso impegnato in convegni e in attività divulgative nelle scuole sul pensatore alerese.

About Eleonora Piu

Studentessa al terzo anno in Scienze della Comunicazione. Amante della buona compagnia e della buona musica.

Controlla anche

Fiera dell'artigianato di Mogoro, intervista a Marcello Muru

Marcello Muru “la fiera si amplia verso tutti i canali web”

Get Widget Il direttore artistico e visual merchandiser Marcello Muru racconta le novità di quest’anno …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.