Alexa Unica Radio
avanti saline

Avanti Marsch! la nuova produzione Akròama alle Saline

I sardi e la Sardegna, un viaggio nel tempo, sorprendente e mozzafiato con Avanti Marsch!

Un gruppo di studenti che si ritrova nella Prima guerra mondiale. Una trama avvincente, fresca, curiosa. Alle Saline, per la produzione della compagnia Akròama, Simeone Latini cuce e interpreta una storia speciale ed entusiasmante dal titolo Avanti Marsch!

Giovedì 21, venerdì 22 e sabato 23 febbraio, alle 21, al Teatro delle Saline – piazzetta Billy Sechi, n. 3/4 , Cagliari – per la Stagione del Teatro Contemporaneo curata dalla compagnia Akròama, va in scena “Avanti marsch!”. Lo spettacolo, con regia e adattamento di Simeone Latini, è liberamente tratto dal romanzo “Avanti Marsch, la grande guerra 100 anni dopo” di Giovanni Follesa e Rossana Copez (Arkadia Editore). Il cuore della rassegna coglie ancora una volta nel segno. Con un mix di straordinaria attualità, ma la tempo stesso costruito sugli oltre quarant’anni di apprezzata attività scenica e artistica della Compagnia. L’Akròama rappresenta un percorso di lavoro teatrale che sposa generi, commistioni, percorsi di elevato valore aggiunto in ambito locale, nazionale ed estero. Un mix di passione e suoni, interpretazioni e opere classiche rivisitate, adattabili a un pubblico eterogeneo ma non per questo distratto. La rassegna è supportata da ministero Beni culturali, Regione, comune di Cagliari e Fondazione di Sardegna.

LA STORIA.
“Doveva essere una noiosissima visita al Museo della Brigata Sassari. Doveva essere un tranquillo viaggio di istruzione per scrivere la ricerca che avrebbe partecipato al concorso indetto dalla presidenza della Repubblica, per celebrare il centenario della Prima guerra mondiale. Ma alla terza B del liceo scientifico Gramsci di Cagliari accade qualcosa di inaspettato e misterioso. Improvvisamente, alcuni dei ragazzi, accompagnati dall’insegnante di storia, spariscono dal museo e si ritrovano nelle trincee italiane e austriache durante il conflitto bellico. Inizia così un viaggio nel tempo e nello spazio che porta i giovani studenti a vivere a stretto contatto con gli intrepidi sardi e le truppe nemiche che hanno combattuto la guerra del 15/18. Cosa li ha proiettati indietro di un secolo? Cosa hanno scoperto vivendo al fronte? Come faranno a ritornare a casa? Quale segreto si svelerà alla fine del viaggio? Nell’anno che celebra il centenario dalla fine della prima guerra mondiale, la storia del primo conflitto bellico visto da una prospettiva assolutamente diversa, attraverso gli occhi di chi l’ha combattuta e mettendo in evidenza l’apporto delle migliaia di fanti sardi e il loro sacrificio”. Una trama avvincente, fresca, curiosa. Tre attori in scena, il professore (Simeone Latini) e due giovani studenti (Michele Vadilonga e Angelica Oddo), faranno vivere al pubblico una reale esperienza immersiva, fatta di suoni e proiezioni, che andranno a dare forza alle azioni sceniche e alla narrazione, trascinando con se lo spettatore in un periodo storico fondamentale per i destini dell’Occidente. Periodo trattato spesso dai testi scolastici con estrema rapidità, finendo col trascurare il ruolo fondamentale della Sardegna e le ricadute del conflitto negli ambiti sociali, economici, ambientali e antropologici dell’isola. Un viaggio nel tempo appassionante e rivelatore.

IL CAST.
Simeone Latini, Angelica Oddo e Michele Vadilonga sono gli interpreti di Avanti, Marsch!. Regia e adattamento, montaggio video-audio di Simeone Latini. Direzione tecnica Lele Dentoni, video filmati di Luca Sgualdini. Tecnico Nicola Pisano, costumi di Salvatore Aresu e Noemi Tronza, trucco di Giovanni Trudu.

Abc Musica La musica come non l'avete mai sentita!

About Redazione

Nata l'8 ottobre 2007 da un progetto di tre studenti universitari. Unica Radio vuole raccontare il territorio, la cultura e le attività dell'hinterland attraverso la voce dei protagonisti. Unica Radio racconta la città che cambia

Controlla anche

Teatro delle Saline

Cronache dalla Shoah, appuntamento al teatro delle Saline

“Cronache dalla Shoah”, un grido di dolore, dai treni per lo sterminio alla negazione. Il …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *