Alexa Unica Radio
macomer

La Strada Nuova, lo spettacolo del CeDAC a Macomer

Al Padiglione Tamuli Simona Atzori presenta La Strada Nuova

Il segreto per trasformare la vita in un’opera d’arte ne La Strada Nuova della danzatrice e pittrice nonché coach Simona Atzori – in cartellone giovedì 14 febbraio alle 21 al Padiglione Tamuli nelle ex Caserme Mura di Macomer sotto le insegne della Stagione di Danza 2018-2019 organizzata dal CeDAC nell’ambito del Circuito Multidisciplinare dello Spettacolo in Sardegna.

Un avvincente racconto per quadri ispirato all’omonimo libro dell’artista milanese – un testo autobiografico sulla storia di «una bambina vivace e piena di sogni», diventata una giovane donna coraggiosa e determinata che ha saputo vincere i propri limiti e superare le barriere per diventare un’elegante farfalla, grazie al suo talento, e imparare a danzare sulle ali della libertà. Innamorata della danza e della pittura, fin da piccola ha iniziato a studiare seguendo il suo talento e la sua inclinazione per le forme e i colori e per il movimento – grazie all’affetto e al sostegno di una famiglia che ha saputo guardare oltre «quel che non c’è» per far sbocciare la bellezza.

“La Strada Nuova” è un’opera multimediale che sposa danza e pittura, suoni e visioni, parole e emozioni, una creazione originale che riflette le diverse anime e i molteplici talenti di un’artista poliedrica per trasmettere il senso profondo di un’esperienza insieme personalissima e universale, cui è sotteso un messaggio di speranza oltre a un invito a lottare contro le proprie fragilità e le proprie paure, ma anche contro i pregiudizi, per lasciarsi guidare da istinto e sensibilità, fantasia e passione.

Sul palco – insieme alla protagonista di una straordinaria avventura artistica e umana, che dimostra come si possano infrangere e stravolgere i canoni estetici per dare corpo ai propri sogni – le danzatrici Mariacristina Paolini e Beatrice Mazzola, che firmano anche le coreografie con Simona Atzori (quest’ultima anche autrice dei dipinti). Una partitura “corale” per una storia che si fonda sulla consapevolezza e sull’equilibrio interiore ma anche sull’importanza dell’amicizia e delle relazioni, sugli stati di grazia e sui doni preziosi che ciascuno riceve, sulla capacità di aprirsi all’altro, di ascoltare e capire e sull’amore per la vita.

Simona Atzori – nata senza braccia – ha cominciato a disegnare e dipingere (da autodidatta) a quattro anni, a nove anni è entrata a far parte dell’Associazione dei Pittori che Dipingono con la Bocca e con il Piede (V.D.M.F.K.) e nel 2001 si è laureata in Visual Arts alla University of Western Ontario in Canada. I suoi quadri sono in una mostra permanente nella città di London Ontario in Canada (dal 2008), partecipa a varie collettive e espone i suoi lavori in mostre personali in tutto il mondo, dall’Italia alla Cina, dal Canada al  Portogallo, la Svizzera e la Spagna, e ancora in Austria, Messico e Grecia. Tra i suoi dipinti più noti, i ritratti di Giovanni Paolo II e Papa Francesco, offerti in dono ai due pontefici – rispettivamente nel 1992 e nel 2014.

La passione per la danza è stata sempre al centro della sua esistenza: Simona Atzori ha intrapreso lo studio della danza classica a sei anni, scelta come ambasciatrice per la Danza nel Grande Giubileo del Duemila, è stata protagonista della cerimonia di apertura delle Paralimpiadi di Torino nel 2006. Ospite nel 2006 della trasmissione “Amore” condotta da Raffaella Carrà, nel 2009 ha danzato in due tappe del Gala “Roberto Bolle and Friends”. Nel segno di Tersicore, nel 2010 Simona Atzori ha fondato la SimonArte Dance Company, che ha all’attivo tre produzioni in collaborazione con danzatori del Teatro alla Scala di Milano: “Me”“Cosa ti manca per essere felice?” – dall’omonimo libro – e “Una stanza viola”. Dalla ribalta televisiva di Sanremo – dove ha dato il la alla quarta serata del Festival della canzone nell’edizione 2012 – alla Sala Nervi in Vaticano, dove ha danzato per papa Francesco, Simona Atzori è approdata sull’importante e prestigioso palcoscenico del Festival dei Due Mondi di Spoleto – che nel 2017 ha ospitato “Una Stanza Viola”.

“La Strada Nuova” è la sintesi folgorante di un’esistenza illuminata dalla grazia e dall’amore, un’opera poetica strutturata in diversi capitoli, dai segni sulla tela che si evolvono in geometrie danzanti, come se i sentimenti racchiusi in una sfumatura di colore prendessero corpo sulla scena, e l’assolo della danzatrice e pittrice si trasforma in un pas de trois in cui le interpreti cercano una forma e un respiro comune, una raffinata, intima e preziosa armonia.

Ouverture tra danza e pittura “in scena” poi una vita sullo schermo, con il diario per immagini: un video che riassume aspirazioni e desideri, speranze e ostacoli, fatica e piccoli e grandi successi, applausi e immancabili sorrisi. Infine quasi a rompere idealmente la quarta parete, l’incontro con il pubblico, il momento dell’ascolto e del dialogo, in cui Simona Atzori offre la propria esperienza, condivide gioia e dolori, il senso di sconforto e l’entusiasmo e la voglia di ricominciare, rialzandosi dopo ogni caduta, con la coscienza di un cammino non sempre facile ma che val la pena di percorrere per riuscire a essere finalmente e pienamente se stessi.

About Marco Meli

Un giovane imprenditore laureato in economia e management. Appassionato di sport (work out) ed arte contemporanea. Per via della mia scelta lavorativa passo gran parte del tempo nel locale che da poco ho aperto in centro a Cagliari, frutto di tanto impegno e grande passione per il mestiere. Nel frattempo sono riuscito ad ottenere l'attestato di Sommelier per soddisfazione strettamente personale. Avendo un socio in azienda in sede distaccata, approfitto periodicamente per viaggiare nel nord Italia, precisamente a Como dove abbiamo un attività di abbigliamento in condivisione.

Controlla anche

Le Balentes in tour con “Inghirios”

Get Widget Da giovedì 25 Agosto Le Balentes in tour con “Inghirios” tra Meana Sardo …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.