Alexa Unica Radio

Un progetto in Portogallo contro lo spopolamento in Sardegna

È in avvio il progetto Erasmus dal titolo A walk through the history of Madeira, due giovani trascorreranno sette mesi in Portogallo

Entro la fine del secolo ci saranno circa 100 Comuni fantasma in Sardegna. I sardi, lo dicono gli studi, sono sempre di meno e sempre più vecchi. Disoccupazione, mancanza di servizi e imposizione di nuovi modelli di vita urbani sono solo alcune delle cause di un processo di spopolamento.
Per questo le Acli hanno deciso presentare un progetto Erasmus+ che prevede la possibilità per due ragazzi sardi di trascorrere sette mesi a Madeira, Portogallo. 

Avranno la possibilità di conoscere la realtà dell’isola, migliorare le proprie competenze professionali e crescere a livello personale. L’incontro a Madeira sarà l’occasione per conoscere personalmente i partner dell’Associação Académica da Universidade da Madeira per il progetto. Sarà una grande esperienza di crescita per i ragazzi che vi si recheranno. Torneranno in Sardegna con nuove idee, e contribuiranno allo sviluppo di nuovi progetti locali in grado di arricchire il tessuto sociale sardo.  

“Esistono comunità con caratteristiche molto vicine alle nostre che stanno riuscendo a invertire la tendenza – spiega il presidente delle Aclidi Cagliari Mauro Carta –. Nell’isola portoghese di Madeira grazie ad un basso costo della vita, a politiche fiscali vantaggiose i residenti e per chi apre un’attività o un’impresa, sono riusciti a ridurre l’emorragia di cittadini e attirato nuovi abitanti. Abbiamo la necessità di comprendere quali buone pratiche è possibile importare nella nostra isola”.

About Valentina Meloni

Ciao sono Valentina Meloni, ho 24 anni. Sono iscritta al corso di Laurea di Scienze della Comunicazione.

Controlla anche

C95EA335 3891 4651 8197 CCB09AF2DC2E

Sicurezza stradale: 15 vittime nel 2021, in calo nell’Isola

Get Widget Giornata della Polstrada con gli studenti del Liceo Siotto   Sicurezza stradale: vittime …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *