Alexa Unica Radio
ultima tappa

Arrivano gli Aludays a Cagliari, ultima tappa sarda

Giornate promosse dal CiAl per sensibilizzare i cittadini sulla raccolta differenziata e il riciclo dell’alluminio. 

Con 405 tonnellate raccolte dal 2016 a oggi, Cagliari è una delle città italiane più virtuose nella raccolta differenziata dell’alluminio. Un fatto molto positivo che può essere migliorato ancora grazie agli Aludays, giornate di sensibilizzazione sulla raccolta differenziata e il riciclo dell’alluminio che hanno preso il via mercoledì 26 settembre a Cosenza e dopo aver toccato Salerno, Lecce e Sassari raggiungono il capoluogo della Sardegna dal 24 al 28 ottobre. Queste giornate sono promosse dal CiAl, consorzio nazionale per il recupero e il riciclo degli imballaggi in alluminio, e arrivano in Sardegna in collaborazione con i Comuni di Sassari e Cagliari. 

Il Tour ha raggiunto la tappa di Cagliari il 24 ottobre: in questi giorni gli inviati del Consorzio CiAl stanno pedalando per la città con le Riciclette, bici in alluminio riciclato, per incontrare i cittadini e fornire loro informazioni sulla raccolta differenziata dell’alluminio. Nei giorni 26, 27 e 28 ottobre piazza Garibaldi ospiterà un grande stand dove, attraverso giochi e intrattenimento, i visitatori potranno mettere alla prova le loro abilità di buoni ricicloni e conoscere l’ampia gamma di imballaggi e contenitori in alluminio che, proprio come le ben note e diffuse lattine per bevande, sono riciclabili al 100% e all’infinito. Nello stand sarà anche possibile conoscere da vicino il mondo del riciclo e partecipare a giochi per vincere gadget in alluminio riciclato.

In un anno, ogni cagliaritano separa in media 900 grammi di alluminio: in totale, dal 2016 a oggi, sono state raccolte 405 tonnellate. A Cagliari gli imballaggi in alluminio vengono differenziati insieme al vetro; le operazioni sono gestite dalle società De Vizia – Econord, mentre la piattaforma di destinazione dove i rifiuti vengono stoccati e l’alluminio, separato dal vetro, compattato in balle e portato in fonderia, è gestita dalla società Ecosansperate. 

In città si raccolgono lattine per bevande, scatolette per pesce, carne e legumi, scatolette e vaschette di cibo per animali, vaschette e vassoi per conservazione e cottura di cibi, bombolette aerosol e spray (ma non quelle per prodotti pericolosi, tossici, infiammabili e corrosivi), involucri per dolci e cioccolato, fogli sottili per cucina, tubetti per creme e prodotti per igiene e cosmesi, tappi e capsule per bottiglie, coperchi e chiusure varie: tutti imballaggi e contenitori riciclabili all’infinito e al 100%.

Dall’aprile di quest’anno il Comune ha avviato la raccolta porta a porta, che attualmente copre il 62% della città; l’obiettivo dell’amministrazione è raggiungere tutti i cittadini entro il 2018. 
A livello nazionale, la raccolta differenziata degli imballaggi in alluminio, ad oggi, è attiva in 6.777 Comuni italiani e coinvolge più di 53 milioni di abitanti, l’88% del totale. Nell’ultimo anno sono stati recuperati ben 7 imballaggi su 10, il cui riciclo ha reso il nostro Paese un esempio virtuoso nel mondo e al primo posto in Europa per quantità di alluminio riciclato. 
 

About Eleonora Pisano

Sono una studentessa di beni culturali e spettacolo, appassionata di cinema, arte, musica e teatro. Vivo a Cagliari da un anno e mezzo e adoro scrivere e leggere: mi definisco "una discepola del Vate".

Controlla anche

Bob Marongiu

Bob Marongiu firma mondi di colore in ricerca della felicità

Get Widget Fino al 31 agosto alla Mem di Cagliari la mostra “Je Mem” Colore, …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.